cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 01:14
Temi caldi

Moda

Femminile e leggera la donna di Alberta Ferretti

26 febbraio 2016 | 17.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Alberta Ferratti, Autunno Inverno 2016-17

Per il prossimo autunno-inverno 2016-17, Alberta Ferretti immagina una collezione di abiti avvolgenti e sensuali, liberati dalla struttura e dalla costrizione. "Ho voluto disegnare una figura molto femminile e molto libera sulla quale l’abito potesse agire come un evidenziatore di caratteristiche molto determinate" spiega la stilista. "Per esempio, la libertà di scegliere il proprio modo di essere, mutevole ma coerente. E anche la libertà di usare il romanticismo come la chiave della sensibilità. O, ancora, la possibilità di aggiungere un po’ di magia ai gesti quotidiani. Per questo sono tornata a lavorare con il taglio a sbieco e a utilizzare tessuti leggeri, in modo da ricavarne una moda avvolgente".

E la leggerezza si ritrova negli abiti in crêpe-satin modellati dal taglio a sbieco e impreziositi da pizzi intagliati che forma anche la fluidità dei completi casacca-pantalone. Ma anche nel peso aereo degli chemisier in chiffon stampato a fiori e sovrapposto da ricami di fiori tridimensionali. I cappotti in cashmere csono avvolgenti e completamente ricamati sul dietro, mentre gli abiti sottoveste in pizzo sovrapposto da ricami ottenuti con un patchwork di chiffon, velluto e satin.

In passerella anche tute da lavoro in satin bordate con un piping a contrasto; abiti e cappotti in tessuti jacquard goffrati su base di tweed e abiti, gonne e cappotti in tweed bouclé lavorato con inserti di pelliccia; abiti bustier di lana o di cashmere hanno ricami tridimensionali. La formalità smitizzata della giacche maschili con il sottocollo in velluto a contrasto o di quelle femminili con i revers sciallati formano tailleur sensuali. Sempre mischiando le lunghezze, dal molto corto al lungo passando per il longuette.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza