cerca CERCA
Domenica 03 Luglio 2022
Aggiornato: 09:29
Temi caldi

Festival Cannes: Asia Argento, 'Incompresa' e' personale non autobiografico

22 maggio 2014 | 16.48
LETTURA: 1 minuti

Cannes, 22 mag. (Adnkronos/Cinematografo.it) - ''Non sono la psicologa di me stessa, è un film personale, non autobiografico, non terapeutico: tutta l'arte è autobiografia, diceva Fellini, ma la perla è l'autobiografia dell'ospite''. Parola di Asia Argento, che ritorna a Cannes, sezione Un Certain Regard, con 'Incompresa', sua terza opera da regista: protagonista una bambina di 9 anni, Aria, interpretata da Giulia Salerno, che nel 1984 è vittima della separazione dei genitori, Gabriel Garko e Charlotte Gainsbourg.

Sceneggiatura a quattro mani con Barbara Alberti, dal 5 giugno nella nostre sale in 100 copie con Good Films, 'Incompresa' ''non è un excursus della mia vita - dice Asia - ma nasce dall'immagine di una bambina cacciata dai genitori che si ritrova in un parchetto con un gatto e la valigia''.

Nell'infanzia - prosegue - ''succede a tutti, anche a chi dice di aver avuto un'infanzia felice per rendersi sopportabile da adulto, di sentirsi vittime di una profonda ingiustizia: questa è una storia universale, italiani e non, bambini e adulti, anche se io volevo scrivere un film per ragazzi e raccontare la famiglia in modo diverso da quel che si fa in Italia: per me la famiglia perfetta non esiste''. 'Incompresa' è un film ''scritto pensando sia a Charlotte che a Gabriel, mentre nel caso dei bambini mi sono affidata al casting: quando l'ho vista, ho pensato subito che Giulia fosse Aria. Oggi mi trovo più a mio agio con i bambini che con gli adulti: molte volte bisogna decostruire con gli adulti, con i bambini si può costruire, hanno un'anima pura, profonda''. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza