cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:24
Temi caldi

Fico frena sull'autonomia

15 febbraio 2019 | 12.33
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Roberto Fico (FOTOGRAMMA)

"Da presidente della Camera dico solo che è importante, importantissimo, che il Parlamento abbia un ruolo centrale nella questione delle autonomie ". Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico, a Napoli per un convegno organizzato dalla Cisl, interpellato dai cronisti sul tema dell'autonomia differenziata per le Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Il Parlamento, ha aggiunto, "non può avere un ruolo marginale in un'attività così importante. Siccome il Parlamento deve avere la sua centralità in questa questione, non si può andare avanti senza interpellare il Parlamento fino in fondo".

"Nella nostra Costituzione - ha detto Fico - noi abbiamo l'equa distribuzione delle risorse, quindi da questo punto di vista non deve accadere niente".

E ancora: "Il mio scusarmi è solo riferito a quel microsecondo in cui ho detto 'arrivederci', tutto il resto lo rifarei" ha aggiunto il presidente della Camera, tornando sulla bagarre in Parlamento con i deputati del Partito democratico. "I giornali riportano le scuse e magari non viene compreso bene fino in fondo. Il mio scusarmi - ha spiegato Fico - è solo riferito a quel microsecondo in cui ho detto 'arrivederci' perché c'erano deputati sotto il banco con le mani alzate che scendevano e ho salutato. Per me quel saluto è sbagliato perché poteva sembrare un po' che volessi ingaggiare una discussione. Detto questo, tutto il resto, anche nella gestione di quanto avvenuto con il deputato D'Ambrosio e con la questione sollevata da Fiano sul regolamento, per me andava in modo perfetto, non c'è alcun tipo di problema rispetto alla gestione e a quello che ho detto in aula. Lo rifarei".

Fico ha ribadito di aver scritto ai questori "affinché venga esaminato tutto ciò che è avvenuto in aula e ci saranno i relativi provvedimenti. Oltretutto - ha sottolineato il presidente della Camera - dal deputato che ha lanciato i fogli sul banco della Presidenza è arrivata una lettera di scuse e ben vengano le scuse, perché tutti questi comportamenti, da qualsiasi parte vengono, sono inaccettabili. Ogni tanto nella storia i presidenti della Camera vengono accusati di scarsa imparzialità e così via, io rispondo che tengo al mio ruolo talmente tanto che sarò sempre imparziale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza