cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 17:29
Temi caldi

Giro (Fi): "Quarto, Fico sapeva". La replica: "Falsità, avrei fatto partire denunce"

12 gennaio 2016 | 08.48
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Roberto Fico (Fotogramma)

"Beppe Grillo chieda anche al presidente Roberto Fico di lasciare la guida della commissione di Vigilanza Rai perché a pagare per il pasticciaccio di Quarto non può essere solo il sindaco Rosa Capuozzo ma anche chi, come si evince dalle intercettazioni, sapeva tutto da due mesi come il presidente Fico, persona certamente onesta ma doveva intervenire e non lo ha fatto. La sua è dunque una responsabilità politica ineludibile". Lo ha detto il senatore di Fi, Francesco Giro.

Replica con un'intervista al "Mattino" il deputato del M5S: "Non ho mai saputo che Rosa Capuozzo fosse sotto ricatto o asserisse di esserlo parlando con suo interlocutori. Di minacce, ricatti, tentativi di estorsione ho saputo leggendo le intercettazioni pubblicate dai giornali". E se fosse stato al corrente di quanto stava avvenendo al comune di Quarto, aggiunge Fico, "avremmo fatto immediatamente partire le denunce, senza aspettare le decisioni di Rosa Capuozzo".

Sulla testa del sindaco M5S pende una procedura di espulsione, Fico la invita a lasciare spontaneamente prima che le regole interne facciano il loro corso. "È il nostro sistema: Beppe Grillo svolge una funzione di garanzia: dà la certificazione o la toglie. Tra l’inizio e la possibile fine c’è un percorso in cui ci si muove nella massima libertà e autonomia, si discute, si sperimenta, naturalmente rispettando i nostri valori e il nostro programma. In questo caso, dopo una discussione lunga e approfondita abbiamo valutato che per il bene del Movimento la Capuozzo debba dimettersi. Se non lo fa verrà espulsa".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza