cerca CERCA
Lunedì 05 Dicembre 2022
Aggiornato: 21:18
Temi caldi

Firenze, Nardella: "Entro settembre ripristinato Lungarno Torrigiani" /Video

26 maggio 2016 | 09.55
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Firenze, crollo della strada del Lungarno vicino al Ponte Vecchio (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Il nostro obiettivo è quello di riuscire a concludere l'intervento con i lavori di somma urgenza entro la fine del prossimo settembre". Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a proposito dei lavori urgenti che partiranno a breve in Lungarno Torrigiani, dove ieri mattina si è aperta una voragine di 200 metri.

"Vogliamo restituire entro settembre il Lungarno Torrigiani ai fiorentini e dopo la conclusione dei lavori di somma urgenza - ha aggiunto Nardella - vorremmo renderlo ancora più bello con un suggestivo intervento di riqualificazione". Il primo cittadino del capoluogo toscano ha poi sottolineato come i fiorentini, anche in questa occasione, stiano dimostrando "un grande senso civico e un grande orgoglio verso la propria città".

Nardella ha poi affermato che da questa sera sarà attivo il gruppo tecnico operativo incaricato dal comune per coordinare i lavori di somma urgenza. La task force vedrà insieme tutti i soggetti pubblici e privati interessati all'intervento di ripristino in tempi rapidi. Faranno parte del gruppo tecnico operativo tutte le migliori professionalità che Firenze e la Toscana possono mettere in campo - ha spiegato il sindaco - ne faranno parte architetti, geologi, ingegneri, geometri e ogni altra figura professionale che potrà dare un contributo determinante ai lavori di somma urgenza. Vogliamo il meglio per finire i lavori entro settembre. E' una bella scommessa e contiamo di vincerla".

Intanto, questa mattina i vigili del fuoco di Firenze, che hanno coordinato l'intervento di primo soccorso, hanno consegnato alla Procura un primo rapporto sulla voragine che ieri mattina si è aperta nel Lungarno Torrigiani, per una lunghezza di 200 metri e una larghezza di sette (FOTO). L'informativa è stata depositata nell'ufficio del pm Gianni Tei, che conduce l'inchiesta.

Ieri, subito dopo l'accaduto, il magistrato di turno ha aperto un fascicolo a modello 45, senza ipotesi di reato né indagati. La procura di Firenze sta indagando per verificare se esiste ipotesi di reato di disastro colposo in merito alla voragine. Al momento non ci sono indagati e l'inchiesta è nella fase preliminare, volta ad accertare se ci siano responsabilità proprio relativamente a eventuali comportamenti colposi che possano aver determinato il crollo del manto stradale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza