cerca CERCA
Sabato 15 Maggio 2021
Aggiornato: 00:15
Temi caldi

Contratti: firmato accordo orafi-argentieri-gioiellieri per 30mila lavoratori

21 giugno 2017 | 09.36
LETTURA: 3 minuti

alternate text

E' stato firmato, ieri, presso la sede di Assolombarda, a Milano, il contratto nazionale per circa 30.000 lavoratori del settore orafi-argentieri-gioiellieri, sulla base dell’ipotesi d’accordo raggiunta lo scorso 18 maggio tra Federorafi e le delegazioni delle organizzazioni sindacali Fim-Fiom e Uilm. L’intesa raggiunta prevede la tutela del salario dall’inflazione con un calcolo a consuntivo degli incrementi. Il primo aumento scatterà dal 1° giugno 2017 e conterrà la quota determinata sulla base dell'inflazione dell'anno 2015 e dell'anno 2016, sulla base dei dati dell'indice Ipca (indice dei prezzi armonizzato a livello europeo). E’ prevista inoltre una cifra una tantum di 80 euro che verrà erogata a ottobre 2017.

In aggiunta, le aziende erogheranno ai lavoratori a titolo di welfare contrattuale nazionale: 100 euro a gennaio 2018; 150 euro a giugno 2019; 200 euro a giugno 2020. Queste quote sono messe a disposizione come buoni spesa, servizi di assistenza o benefits per i lavoratori e sono al netto del valore e esenti da tassazione, come prevede la legge.

Mentre l’assistenza sanitaria integrativa, métaSalute, attualmente prevista per i lavoratori che vi aderiscono con contribuzione di 72 euro annue a carico dell'azienda e 36 euro annue a carico del lavoratore, viene estesa da aprile 2018 a tutti i lavoratori e le lavoratrici e i propri familiari a carico, per un valore pari a 156 euro annue e sarà a totale carico dell'azienda.

La previdenza complementare Cometa viene rafforzata a partire da aprile 2018 prevedendo la contribuzione pari a 1,6% (entro la vigenza del contratto si verificherà la possibilità dell'aumento ulteriore di tale contribuzione), calcolata sulla retribuzione contrattuale a carico dell'azienda con il contributo minimo del lavoratore dell’1,2%.

Sul fronte della formazione continua, questa diventa un diritto soggettivo del lavoratore con l'obbligo per le aziende di fornire una formazione di almeno 24 ore nel triennio a tutti i lavoratori. Introdotta la possibilità di frazionamento ad ore dei congedi parentali, rafforzamento del part-time, e misure di conciliazione vita lavoro.

Soddisfazione è stata espressa dalla Fim: "Il rinnovo del contratto colma un vuoto contrattuale di oltre 15 mesi e dà risposte alle istanze di partecipazione e promozione dei lavoratori. Oltre a rappresentare un importante fattore di rilancio di un settore che unisce la tradizione del saper fare artigianale italiano, la creatività e la tecnologia. In un settore molto particolare in termini di produzione di design e qualità fortemente coinvolto dal confronto competitivo con Paesi e sistemi industriali forti quali Usa e Cina".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza