cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

Fisco: giudici, si' a sezione feriale Cassazione per Dolce e Gabbana

16 giugno 2014 | 14.54
LETTURA: 2 minuti

Tempi rapidi per il giudizio di terzo grado per Dolce e Gabbana, condannati in appello a Milano a un anno e sei mesi di carcere per evasione fiscale. La Procura ha chiesto e ottenuto dai giudici, per via della prescrizione, la sospensione feriale dei termini e, di conseguenza, il processo dovrebbe essere trattato davanti alla sezione feriale della Cassazione, come accaduto la scorsa estate per Silvio Berlusconi imputato nel processo sui diritti tv.

La Corte d'appello di Milano, che a breve depositerà le motivazioni della sentenza del 30 aprile scorso, ha accolto la richiesta presentata dai pm Gaetano Ruta e Laura Pedio di sospendere i termini processuali feriali in quanto i due episodi di omessa dichiarazione dei redditi cadranno in prescrizione i prossimi 28 agosto e 31 ottobre. La difesa, dal deposito delle motivazioni di secondo grado, avrà tempo 45 giorni per depositare il ricorso in Cassazione. Ricorso che dovrebbe essere, quindi discusso, davanti all'apposita sezione feriale, quella che si occupa dei processi a rischio prescrizione.

La difesa, gli avvocati Massimo Dinoia e Armando Simbari, ha presentato ai giudici d'appello una richiesta di revoca della sospensione feriale sostenendo che il dato storico indicato dai pm è errato: per i legali degli stilisti gli episodi contestati si prescriveranno rispettivamente il 29 luglio (fuori dalla sospensione feriale) e il primo novembre e dunque non sussistono gli estremi previsti dalla legge.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza