cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 16:07
Temi caldi

Fisco: Maradona a giudici, non sono mai stato un evasore

26 maggio 2014 | 14.11
LETTURA: 1 minuti

"Non sono mai stato un evasore". Lo ha dichiarato Diego Armando Maradona oggi dinanzi ai giudici della Commissione tributaria a Napoli, ai quali ha consegnato una scrittura firmata. Maradona, accompagnato dagli avvocati Angelo e Sergio Pisani che hanno depositato un dossier relativo alla causa che vede contrapposto l'ex calciatore argentino al fisco italiano, ha parlato di "ingiusti attacchi mediatici ed esattoriali" nei suoi confronti e sostiene che "grazie al lavoro dei miei avvocati e periti" sia "finalmente dimostrato agli italiani e al mondo intero che non sono mai stato un evasore".

Questo perché, sostiene il 'pibe de oro', "la violazione non è mai esistita" e perché "è già stata pagata dal presunto ed eventuale responsabile, il Calcio Napoli, già assolto". Nella scrittura firmata Maradona ricorda "le sentenze che provano l'inesistenza di violazione fiscale" e garantisce di poter dimostrare "con documento e versamenti alla mano che quanto vogliono da me, anche con ingiusti atti di forza, venne già condonato e pagato nel 2003 da Ferlaino, mio datore di lavoro nelle more delle cause sempre vinte dal Calcio Napoli".

"Anche dopo il pagamento del 2003 - conclude Maradona - mi hanno pignorato orologi ed orecchini. Chi mi restituirà ora la mia immagine e tutti questi anni vissuti lontano da Napoli? Io gioco solo per far vincere la giustizia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza