cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 01:39
Temi caldi

Svezia

Flatulenza in campo, giocatore espulso

23 giugno 2016 | 11.52
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Espulso per una flatulenza. Adam Lindin Ljungkvist, 25enne difensore svedese, entra nella storia del calcio per il surreale cartellino rosso rimediato nel match tra la squadra riserve del Järna SK e il Pershagen SK. Il 'gesto' del calciatore è stato giudicato dall'arbitro Dany Kako come ''una provocazione deliberata'' e un ''comportamento antisportivo". "Avevo mal di pancia e mi sono liberato. Ho ricevuto due cartellini gialli e quindi il rosso. Ero scioccato, è la cosa più assurda che mi sia mai capitata nel calcio", ha raccontato Ljungkvist ai media locali. "Ho chiesto all'arbitro: 'Cosa c'è? Non posso fare nemmeno un po' di aria?'. 'No', ha risposto...". L'episodio non è sfuggito ad altri calciatori. "Ero ad una discreta distanza ma ho sentito il rumore forte e chiaro -ha detto l'attaccante avversario Kristoffer Linde-. E' la cosa più strana che abbia mai visto in campo. E gioco da quando ho 8 anni". Il direttore di gara ha spiegato il proprio punto di vista: "Ho percepito il tutto come una chiara provocazione. Lo ha fatto volontariamente, è stato un comportamento inappropriato". "Provocare qualcuno in questo modo non sarebbe particolarmente furbo o normale. Non ha senso", si è difeso ancora Ljungkvist rispondendo all'Aftonbladet.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza