cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 10:43
Temi caldi

Fmi: sosteniamo forte risposta Italia, su Mes decida il governo

15 aprile 2020 | 11.24
LETTURA: 5 minuti

Il direttore del dipartimento europeo del Fondo Monetario Internazionale: "Nel 2020 deficit pubblici Europa cresceranno del 6%, ma è scelta giusta"

alternate text
Xinhua

"L'Italia è fra i paesi più colpiti dal coronavirus, e l'effetto sul suo Pil sarà più forte che per altre economie simili. Ma ha dato una risposta forte che al Fondo sosteniamo. Quanto al ricorso al Mes, tuttavia, si tratta di una decisione che spetta ai governanti italiani". Lo spiega in conferenza stampa Poul Thomsen, direttore del dipartimento europeo del Fondo Monetario Internazionale.

Più in generale, spiega ancora Thomsen, per la risposta all'emergenza coronavirus, "nel 2020 i deficit pubblici in Europa cresceranno del 6% ma in queste circostanze è una scelta appropriata". Il direttore del dipartimento europeo del Fmi, spiega che "ora dobbiamo affrontare una sfida senza precedenti, la preoccupazione principale è evitare un 'contagio fiscale'. I governi hanno preso decisioni importanti e al Fondo sosteniamo appieno queste risposte forti".

"Sui coronabond non abbiamo ancora adottato una posizione, l'importante che è che ci sia una risposta adeguata e forte a livello europeo e questa l'abbiamo vista. Il pacchetto da 500 miliardi varato dall'Europa è la risposta giusta", afferma ancora il direttore del dipartimento europeo Fmi, che elogia "la decisione dei leader Ue di assicurare che sforzi nazionali sostenuti da misure europee".

"Certo ci sarà un notevole incremento dell'indebitamento e delle emissioni a medio termine ma siamo davanti a sfide senza precedenti. E' troppo presto per affrontare questo problema" del debito, dice ancora, aggiungendo che "non sappiamo la scala dell'aumento del debito: dipende da quanto tempo ci vorrà" per contenere il contagio. Ora, sottolinea. "Si tratta soprattutto di assicurare che i singoli paesi abbiano lo spazio per rispondere alla pandemia".

Nell’emergenza coronavirus gli interventi diretti decisi finora dal governo italiano – fra sostegno ai redditi, spese sanitarie e altre misure fiscali – ‘valgono’ l’1,2% del Pil (circa 20 miliardi di euro), uno dei valori più bassi fra i paesi del G20 (in Giappone si toccano circa i 500 miliardi di dollari, il 10% del Pil). Ma se in questa valutazione si include il valore delle garanzie offerte sui prestiti , per aumentare la liquidità alle imprese (pari a 550 miliardi, il 32,4% del Pil) si scopre che il nostro Paese è al top del G20 per l’entità complessiva degli interventi, secondo solo alla Germania (34% totale contro il 33,6% dell’Italia). E’ il quadro che emerge dal Fiscal Monitor del Fondo Monetario Internazionale, appena diffuso. Per il G7, continua il rapporto, le misure di bilancio addizionali rappresenteranno quest’anno il 5,9% del Pil.

La crisi scatenata dalla pandemia, la riduzione delle entrate e l’esplosione delle spese scaveranno un nuovo buco nei conti pubblici dell’Italia (e non solo) con un deficit che quest’anno potrebbe attestarsi all’8,3% del Pil (dall’1,6% del 2019). Il Fiscal Monitor mostra a livello globale un disavanzo pari al 9,9% del pil, con realtà nazionali assai differenti.

Il record del deficit dovrebbe spettare agli Usa, con un disavanzo pari al 15,4% del Pil (contro una media del 10,7% delle economie avanzate). Nell’Eurozona la media sarebbe del 10,7%, ma con una Francia in disavanzo del 9,2% nel 2020 (dopo il 3,0% dello scorso anno). Ale anche la Spagna (9,5%) mentre il -5,5% della Germania deve fare i conti con gli avanzi registrati nei sei anni precedenti nel solo 2019 +1,4%). Il Regno Unito dovrebbe attestarsi allo stesso 8,3% di deficit dell’Italia, mentre per il Canada il ‘buco’ sarebbe pari all’11,8% del Pil. Preoccupante anche il deficit della Cina, 11,2% nel 2020 dopo il 6,4% dello scorso anno.

La contrazione del Pil e l’aumento del deficit per la crisi condannano l’Italia a una esplosione del debito pubblico che – secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale – quest’anno potrebbe balzare di oltre 20 punti, passando dal 134,8% del Pil nel 2019 al 155,5% nel 2020. Nel Fiscal Monitor i tecnici dell’Fmi tracciano traiettorie di debito in forte crescita per tutti i paesi, con una media globale che dall’8,3% dello scorso anno nel 2020 dovrebbe salire al 96,4% del Pil. Il balzo più forte si registra negli Stati Uniti (+22,1 punti con un debito al 131,1% del Pil, peraltro il più alto a livello mondiale) e in Canada (+20,9 punti al 109,5%). Superano quota 100% del Pil la Francia (che in dodici mesi passa dal 98,5 al 115,4%) e la Spagna (dal 95,5 al 113,4%). Il ‘danno’ più contenuto, ancora una volta, lo registra la Germania, con un indebitamento che sale dal 59,8% al 68,7% del Pil.

Cresce ancora – a livelli ‘irraggiungibili’ – il debito giapponese che, fra Pil in calo e misure di stimolo, passerà dal 237,4% del 2019 al 251,9% quest’anno.

L’elevato livello di debito si tradurrà quest’anno per i tre paesi con i valori più elevati – Giappone, Italia e Usa - in un fabbisogno di rifinanziamento elevatissimo rispetto al Pil. Fra titoli in scadenza e nuovo deficit, ad esempio, Tokyo dovrà collocare sui mercati titoli pari al 45 % circa del suo Pil: per Washington questo dato si avvicina al 39% mentre per l’Italia è pari all’incirca al 28% del Pil.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza