cerca CERCA
Giovedì 04 Marzo 2021
Aggiornato: 14:02
Temi caldi

Focolai spaventano Latina, arriva ordinanza con stretta misure

05 ottobre 2020 | 16.36
LETTURA: 2 minuti

Chiusure alle 00.45, nel weekend alle ore 1.30, per bar e ristoranti. Dg Asl: "Per zona rossa non ci sono elementi, oggi casi in calo e no decessi"

alternate text
(Fotogramma)
Roma, 5 ott. (Adnkronos Salute)

"A partire dalle ore 24:00 di oggi, 5 ottobre 2020, e fino a nuove disposizioni i titolari delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, delle attività artigianali, del settore alimentare (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie) e titolari di sale gioco, dovranno osservare il seguente orario di chiusura: dal lunedì al giovedì alle ore 00:45 e dal venerdì alla domenica alle ore 01:30". E' quanto si legge sulla nuova ordinanza del sindaco di Latina Damiano Coletta per limitare i contagi del Covid 19.

"L’orario applicato deve essere esposto in modo ben visibile alla clientela", conclude il primo cittadino di Latina.

Nell'ultimo bollettino dell'Unità di crisi della Regione Lazio, l'Asl di Latina segnalava 73 casi di Covid nel territorio della provincia. Una impennata di contagi, spesso legati a focolai già conosciuti, che preoccupa la Regione e la popolazione che teme chiusure delle attività, la stretta sulla possibilità di movimento e un giro di vite sui possibili luoghi di assembramento. Fino all'istituzione di una 'zona rossa'. Oggi la riunione in Prefettura nel capoluogo pontino proprio sull'emergenza Covid 19. In più è arrivata la notizia di un presunto nuovo focolaio a Terracina legato al ristorante 'Il Tordo', dove il 25 settembre scorso si è tenuto il comizio elettorale a sostegno del candidato sindaco Valentino Giuliani, al quale ha preso parte il leader della Lega Matteo Salvini.

La riunione di questa mattina ha fatto scattare l'istituzione di tre nuovi 'drive in' per l'esecuzione dei tamponi oltre quello di Latina. "Oggi i nuovi casi sono rientrati a 22, dobbiamo capire se siamo di fronte ad una 'bolla' di contagi momentanea. Per avere delle risposte occorre la fine della settima - spiega all'Adnkronos Salute il direttore generale dell'Asl di Latina Giorgio Casati - Le persone però devono capire che la situazione è quella di un virus che circola e devono rispettare le regole. Stiamo valutanto interventi restrittivi, ma parlare di zone rosse è poco corretto, non ci sono elementi, ad esempio non ci sono decessi".

"Stiamo lavorando al massimo per intervenire su ogni contagio, dietro un caso positivo ci possono essere 100 persone da contattare", sottolinea.

Rispetto alla giornata di ieri, oggi si registrano 22 nuovi casi positivi, distribuiti nei comuni di Aprilia (4), di Cisterna di Latina (4), di Fondi (1), di Gaeta (1), di Latina (5), di Pontinia (2), di Sabaudia(1), di Sermoneta (1) e di Terracina (3). Il comune di Latina ha fatto sapere che, per quanto riguarda le scuole, "verrà fatto ricorso il più possibile alla didattica a distanza per cercare di ridurre la mobilità sul territorio. Saranno intensificati i controlli per quanto riguarda feste, cerimonie, movida e altre occasioni di incontro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza