cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Danza: Firenze, Fracci e Abbagnato a confronto per Festival delle Generazioni

01 ottobre 2014 | 12.50
LETTURA: 3 minuti

Sabato a Firenze in piazza della Repubblica

alternate text
Carla Fracci e una giovanissima Eleonora Abbagnato nel '92 in 'Fedra, leggenda e Mito'

Carla Fracci e Eleonora Abbagnato saranno protagoniste di un confronto inedito al Festival delle Generazioni, sabato 4 ottobre dalle ore 11,30 alle 13,00 in piazza della Repubblica a Firenze. Un incontro di “Musica e Parole” tra le due stelle della danza internazionale per riflettere sul rapporto tra due generazioni, sul passaggio di testimone, sulla scambio costruttivo che ci può essere tra giovani e anziani nella danza, come in tutte le discipline artistiche.

L’evento, ideato e condotto da Francesca Chialà, Consigliere di Amministrazione del Teatro dell’Opera di Roma, sarà impreziosito dalle voci di due Cori, “Armoniosoincanto” tutto al femminile e dalla Corale Polifonica “A.Antonelli”, diretti da Franco Radicchia e le musiche curate dalla direttrice d’orchestra, Cinzia Pennesi.

Il primo incontro tra la Fracci e l’Abbagnato è avvenuto nel giugno del 1992 quando Beppe Menegatti, marito della Fracci, scelse la giovanissima Abbagnato per lo spettacolo “Fedra, Leggenda e Mito”, andato in scena al Teatro Massimo-Politeama di Palermo, dove la Fracci impersonava i ruoli di Pasifae, Arianna e Fedra, con una Abbagnato appena quattordicenne che impersonava il ruolo di Fedra giovanissima, alla sulla seconda esperienza in scena, dopo la Bella Addormentata di Roland Petit. Una esperienza fondamentale per l’Abbagnato che aveva passato la sua infanzia a sognare di diventare una étoile guardando le videocassette di Carla Fracci nella sua interpretazione insuperabile di Giselle.

Sono stati proprio la Fracci e Petit a consigliare alla giovanissima Eleonora di puntare all’Opèra di Parigi per entrare nella sua celebre e prestigiosa compagnia. Dopo 24 anni e due straordinarie carriere che hanno portato l’italianità nel mondo, le due étoile si rincontrano a Firenze per rimarcare l’importanza dei grandi maestri nel lavoro e nella vita.

L’evento fa parte della sezione del Festival “Musica e Parole”, diretta da Chialà, che vedrà da domani al 4 ottobre a Firenze confronti generazionali di grande spessore e forte intensità emotiva, nella Filosofia con Umberto Galimberti e il giovane Diego Fusaro, nella Musica con Mogol e Cristicchi, nel cinema con Dario Argento e Brando De Sica, nello Sport con i campioni del cannottaggio, Giuseppe e Vincenzo Abbagnale e l’esilarante incursione di Dario Vergassola.

Con 60 eventi, 180 protagonisti, Il Festival delle Generazioni dal titolo “Né vecchi né giovani: cittadini”, intende avviare una confluenza sinergica delle migliori energie degli anziani e dei giovani pronte a impegnarsi creativamente nella soluzione della crisi che condiziona la nostra società. L’evento è alla sua seconda edizione ed è il primo del genere in Italia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza