cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 08:19
Temi caldi

Francia, infermiera trascinata per i capelli e arrestata/Video

17 giugno 2020 | 14.11
LETTURA: 2 minuti

Il filmato dell'episodio, avvenuto durante la manifestazione dei sanitari a Parigi, visionato oltre due milioni di volte sui social: è polemica

alternate text
Foto Fotogramma

E' polemica in Francia per il violento arresto di un'infermiera in camice bianco durante la manifestazione dei sanitari ieri a Parigi. Un video visionato oltre due milioni di volte sui social mostra poliziotti in assetto antisommossa che tengono la donna bloccata a terra e poi la trascinano, con le mani trattenute dietro la schiena, tenendola per i capelli. Una scena che fa discutere, dopo che, sull'onda del caso George Floyd negli Stati Uniti, la polizia francese è recentemente tornata sotto accusa per comportamenti violenti.

"Questa donna è mia madre - ha poi twittato la figlia - ha 50 anni, è infermiera, per tre mesi ha lavorato fra le 12 e le 14 ore al giorno. Ha avuto il covid. Manifestava perché rivalutino il suo salario, perché riconoscano il suo lavoro. E' asmatica. Aveva il camice. E' alta 1,55 metri". Ieri sera c'è stato un assembramento davanti al commissariato dove era rinchiusa per chiedere la liberazione "dell'infermiera Farida", poi chiesta su Twitter dal leader della sinistra radicale Jean Luc Melenchon.

Fonti della polizia hanno intanto detto a Le Figaro che l'infermiera è stata arrestata per "lancio di proiettili contro le forze dell'ordine", come dimostrerebbero altri video, alcuni dei quali vengono ora condivisi sui social. Salutati come eroi della lotta al coronavirus, gli operatori sanitari hanno manifestato ieri in Francia per ottenere aumenti di salario. A Parigi c'erano ieri circa 1800 persone sulla spianata degli Invalides. Ma la protesta, nella quale si erano infiltrati dei 'blackblock', è poi degenerata in scontri con la polizia, terminati con 32 arresti.

+++ATTENZIONE IMMAGINI FORTI+++

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza