cerca CERCA
Mercoledì 05 Ottobre 2022
Aggiornato: 03:28
Temi caldi

Francia, parte il processo a Strauss-Kahn: rischia fino a 10 anni

02 febbraio 2015 | 09.43
LETTURA: 4 minuti

E' accusato di sfruttamento aggravato della prostituzione per un giro internazionale di serate libertine al Carlton di Lille. Lui ha sempre negato di essere a conoscenza che le donne fossero escort. Dalle indagini, basate su una serie di testimonianze, sarebbe emerso che l'ex direttore del Fmi amava i rapporti brutali, anche senza il consenso delle interessate

alternate text
Dominique Strauss-Kahn (Infophoto) - INFOPHOTO

Al via oggi a Lille, nel Nord della Francia, il processo per l'ex direttore generale del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, accusato di sfruttamento aggravato della prostituzione. Rischia fino a dieci anni di prigione e 1,5 milioni di euro di multa.

L'ex candidato socialista, dato per favorito nei sondaggi per le presidenziali del 2012 in Francia, è accusato di essere il principale organizzatore e beneficiario di un giro internazionale di serate libertine che aveva nell'albergo Carlton di Lille il suo fulcro. DSK ha ammesso di aver partecipato a numerose serate, sia al Carlton di Lille sia in altri hotel, ma ha sempre negato di essere a conoscenza che le donne presenti fossero prostitute.

Assieme a lui, sul banco degli imputati, altre tredici persone tra cui uno dei gestori della struttura, un commissario di polizia, un avvocato e un protettore soprannominato 'Dodo', accusato di essere il principale 'fornitore' delle escort che animavano le serate.

Quello dell''hotel Carlton' è il secondo scandalo a luci rosse che ha come protagonista Strauss-Kahn, dopo quello di cui fu vittima nel 2011 quando una cameriera del Sofitel di New York lo accusò di violenza sessuale, reato da cui fu assolto ma che gli costò la poltrona dell'Fmi e la carriera politica in Francia, dove era in pole position per la candidatura socialista all'Eliseo.

Le indagini dell'affaire Carlton di Lille sono partite nel marzo del 2012. Quell'anno i giudici istruttori francesi hanno raccolto una serie di testimonianze di prostitute dalle quali sarebbe emerso che l'ex direttore del Fondo monetario internazionale amava i rapporti brutali, anche senza il consenso delle interessate. Una decina le donne, secondo la stampa francese, che tra l'autunno 2007 e maggio 2011 hanno avuto rapporti sessuali a pagamento con Dsk nel corso di vere e proprie orge.

Fra loro Anne-Marie S. che ha detto alla polizia di aver avuto nel 2010 "un rapporto sessuale brutale" con Dsk in un albergo di Washington, mentre un altro uomo la teneva ferma per i polsi. "Ero stata pagata, ma non per subire questo -ha riferito agli inquirenti- fare l'escort non è questo per me. Ho sempre avuto a che fare con dei gentiluomini".

Un'altra prostituta, Mounia, ha raccontato di aver avuto "rapporti brutali" con Strauss Kahn in un albergo parigino: "Non mi ha violentata, ma si capiva che amava i rapporti di forza", ha spiegato. Una terza donna si sarebbe lamentata con il suo protettore, Dodo la Saumure (Dodo Salamoia) di un rapporto violento con Dsk nella toilette di un ristorante parigino. Nessuna delle tre ha sporto denuncia, mentre altre donne hanno raccontato di rapporti a pagamento senza lamentare brutalità.

Sicuramente i sordidi dettagli della vicenda Carlton saranno rivelati nel corso di questo processo molto pubblicizzato, che dovrebbe durare circa tre settimane. Dsk non dovrebbe testimoniare prima dell'inizio della settimana prossima. Finora la difesa di Strauss-Kahn è rimasta in silenzio, mantenendo la stessa posizione per tutta la durata dell'inchiesta, sostenendo che l'economista aveva un debole per i festini, ma che non sapesse che le donne presenti fossero prostitute.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza