cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 05:00
Temi caldi

Francia, pugnala passanti a Villejuif: un morto

03 gennaio 2020 | 15.03
LETTURA: 3 minuti

L'aggressore è stato "abbattuto" dalla polizia d'Oltralpe. Secondo alcuni testimoni, l'uomo avrebbe gridato "Allah Akbar" durante l'attacco

alternate text
(Afp)

Una persona è stata uccisa e due ferite nell'attacco a coltellate di oggi a Villejuif, in Francia. A fornire il bilancio ufficiale, è stata Laura Beccuau, il procuratore di Creteil che guida le indagini. "Contiamo tre vittime, un morto e due persone il cui stato è attualmente sotto esame in diversi ospedali del Val-de-Marne", ha detto il procuratore, confermando che l'aggressore è stato ucciso. L'uomo, ha detto Beccuau, ha cercato di aggredire altre persone, che sono riuscite ad evitarlo. Non sono state fornite indicazioni sull'identità o il movente dell'uomo. Al momento le indagini sono state affidate alla procura di Creteil e non a quella per l'antiterrorismo.

Secondo il sito Le Parisien, l'uomo che ha pugnalato i passanti nella città della Valle della Marna, è stato "neutralizzato". L'attacco è avvenuto attorno alle 14 nel parco delle Hautes-Bruyères, nel comune della banlieue parigina. L'uomo è poi fuggito in direzione di un vicino supermercato, ma è stato ucciso con tre colpi di pistola della polizia. Il sottosegretario all'Interno Laurent Nunez si sta dirigendo sul posto. La polizia ha invitato su Twitter ed evitare la zona. Il parco e l'autostrada A6B sono stati chiusi.


Alcuni testimoni, citati dall'emittente Rtl, riferiscono che l'uomo avrebbe gridato "Allah Akbar" durante l'attacco. La polizia sta verificando questa circostanza.

L'uomo è stato identificato come Nathan C. grazie alla sua carta di credito e le impronte digitali. Lo scrive il sito di Le Parisien. Nato nel 1997 a Les Lilas, nella banlieue parigina, ha avuto dei problemi psichiatrici, ma attualmente non era ricoverato. Bisognerà verificare se stava seguendo un trattamento. Al momento le autorità non hanno reso noto la sua identità. Ucciso dalla polizia, Nathan indossava una djellabah araba scura e aveva i piedi nudi. Non sono note le motivazioni del suo gesto. Le indagini sull'attacco sono state affidate per ora alla procura di Creteil. Tuttavia, scrive le Parisien, anche la procura antiterrorismo si è recata sul posto.

La persona uccisa è un uomo di 56 anni che ha cercato di difendere la moglie. A raccontarlo a Le Parisien è stato il sindaco di questo comune della banlieue meridionale parigina, Franck Le Bohellec. La vittima abitava vicino al parco di Hautes-Bruyères, dove l'aggressore si è avventato con un coltello sui passanti, verso le 14. "Stava passeggiando con la moglie quando l'aggressore si è avvicinato, ha voluto proteggere la moglie ed è lui che ha ricevuto la coltellata", ha raccontato il sindaco. La donna, 47 anni, anche lei ferita, è stata ricoverata in stato di urgenza assoluta. La terza vittima, ricoverata in urgenza ma meno grave, è una donna di 30 anni, colpita alla schiena mentre si trovava fuori dal parco.

Secondo quanto confermato dalla procura, l'aggressore ha tentato di colpire altre persone, che però sono riuscite a sfuggirgli. L'uomo è poi fuggito verso un centro commerciale che si trova accanto al parco, ma in un altro comune, Hay-les-Roses. E' qui che è stato abbattuto dai colpi d'arma da fuoco della polizia, arrivata tempestivamente sul posto. L'uomo non indossava una cintura esplosiva, come si era inizialmente temuto. Di fronte a questa eventualità erano stati fatti arrivare degli artificieri.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza