cerca CERCA
Venerdì 23 Luglio 2021
Aggiornato: 23:50
Temi caldi

Ftse Mib chiude settimana in positivo

04 giugno 2021 | 18.17
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Chiusura di settimana in positivo per la Borsa di Milano. Dopo una prima parte all’insegna dell’incertezza, nel corso del pomeriggio i listini azionari globali hanno capitalizzato le indicazioni, sotto le stime, arrivate dal mercato del lavoro Usa.

I listini sulle due sponde dell’Atlantico hanno accolto positivamente l’incremento inferiore alle stime registrato dalle non-farm payrolls (le buste paga nei settori non agricoli), salite a maggio di 559 mila unità (quasi 100 mila in meno rispetto alle stime), poiché l’incertezza dal fronte macro rappresenta la migliore garanzia del mantenimento delle misure espansive da parte della Federal Reserve.

Indicazioni migliori delle stime sono arrivate dal tasso di disoccupazione, sceso dal 6,1 al 5,8% (consenso 5,9%). Il dato, ottenuto dal rapporto tra persone in cerca di lavoro e forza lavoro, è sceso perché a fronte di chi ha trovato lavoro negli ultimi mesi, il denominatore si è confermato stabile a causa del fatto che la crescita dei salari e l’ampia offerta di posti di lavoro non è finora riuscita a spingere al rialzo la forza lavoro. Attenzione perché i salari, che ad aprile avevano segnato un +0,4%, il mese scorso sono saliti del 2%.

Per quanto riguarda il nostro Paese, l’Istat ha fatto sapere di attendersi una crescita del 4,7% nell’anno corrente e del 4,4% il prossimo. “Nei primi mesi dell’anno lo scenario internazionale è stato caratterizzato da una decisa ripresa del commercio mondiale e da un progressivo miglioramento della produzione, seppure con tempistica e ritmi eterogenei tra i paesi”, riporto lo studio dell’Istat. In attesa del giudizio sul nostro merito di credito da parte dell’agenzia Fitch (attualmente a “BBB-” con un outlook stabile),lo spread Btp-Bund non ha fatto segnare variazioni di rilievo a 103 punti base.

Sul Ftse Mib, che ha chiuso la settimana sui massimi dal 2008 a 25.570,46 punti (+0,46%), la performance migliore è stata registrata da Stellantis (+2,8%). Poco più dietro le azioni Saipem (+2,73%): la società ha annunciato di aver siglato un accordo per l’acquisizione delle attività di Naval Energies nel settore dell’energia eolica flottante.

“Con questa acquisizione ampliamo il nostro portafoglio di tecnologie e posizioniamo Saipem nella gara per l’assegnazione del progetto eolico flottante offshore di Groix & Belle-Île, in Francia, per il quale punteremo sulle nostre riconosciute capacità di esecuzione di progetti chiavi in mano, al servizio di EOLFI”, ha detto Mauro Piasere, responsabile della Business Unit Offshore New Energies di Saipem.

Tra le utilities, +1,55% per A2A, +1,14% di Italgas e +1,22% di Hera. Lieve segno più per Mediaset (+0,13%). Secondo le indiscrezioni riportate dalla carta stampata, le autorità europee sarebbero in procinto di far partire una contestazione nei confronti del governo italiano nell’ambito della norma che ha “protetto” la società dall’assalto di Vivendi.

Perfetta parità per Assicurazioni Generali che ha presentato un’offerta non vincolante per la divisione di asset management di NN Group. Della partita potrebbe far parte anche Intesa Sanpaolo (+0,18%) (In collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza