cerca CERCA
Domenica 11 Aprile 2021
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Ftse Mib debole, spread sale ancora

26 febbraio 2021 | 18.37
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Afp)

Le vendite sui titoli di Stato continuano ad influenzare negativamente i mercati finanziari: nonostante i rialzi dei rendimenti sembrerebbero essersi arrestati, le borse europee hanno tutte chiuso l’ultima seduta della settimana con il segno meno.

In chiusura il Ftse Mib si è fermato a 22.848,58 punti, -0,93% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania ha fatto segnare un incremento di 3 punti percentuali a 106 punti base.

Performance positive sul listino delle blue chip sono state registrate da Ferrari e Moncler, salite rispettivamente dell’1,16 e dello 0,31 per cento. Nel comparto industriale, parità per Prysmian (+0,11%) e CNH Industrial (-0,12%).

Stellantis ha terminato con un -0,91% mentre Leonardo ha segnato un -2,44%: secondo i rumor, ieri il Cda avrebbe deliberato il collocamento di almeno il 25% di DRS.

L’indebolimento del Brent, in calo dell’1,2% a 65,2 dollari il barile, ha spinto al ribasso il terzetto formato da Saipem (-3,17%), Eni (-2,05%) e Tenaris (-1,12%). Su quest’ultima hanno pesato anche le prese di beneficio dopo il balzo innescato dai conti 2020 e dall’outlook sull’esercizio corrente.

Meno 0,74% di Atlantia dopo i rumor su un’offerta da 8 miliardi di euro per l’88% di Aspi da parte del consorzio guidato dalla Cdp (che chiede anche garanzie per i danni legati al crollo del Ponte di Genova per 700 milioni).

Nel comparto bancario giornata di vendite su UniCredit (-2,22%) e -0,84% di Intesa Sanpaolo. MPS (-1,95%) ha confermato le indicazioni preliminari sui conti e dichiarato di aver rilevato uno shortfall prospettico di capitale rispetto ai requisiti patrimoniali. (In collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza