cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 22:58
Temi caldi

Galli: "In difesa di interessi economici si minimizza la situazione"

12 ottobre 2020 | 16.58
LETTURA: 1 minuti

Allarme del primario del Sacco: "Rischiamo di buttare sacrificio fatto nei mesi del lockdown"

alternate text
(Fotogramma)

"E' sempre stato così in tutte le epidemie della storia: ci sono interessi di tipo economico o politico che superano le evidenze dal punto di vista epidemiologico. Per difendere questi interessi, si ha appunto interesse a minimizzare ciò che non è minimizzabile. E si dice che bisogna dare alla gente solo messaggi rassicuranti, come se la gente fosse stupida e dovesse essere trattata come si tratta il bambino che va mandato a letto tranquillo perché dorma sonni felici". E' l'analisi di Massimo Galli, primario di malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano, ospite di TimeLine a Sky Tg24.

"Bisogna dire che si sta buttando via il sacrificio fatto nei mesi del lockdwon - avverte - Se si va avanti così, gli altri Paesi europei sono la chiara dimostrazione di dove si va parare".

Quanto alla situazione europea, commenta l'infettivologo, "sconcerta una certa diffusa inadeguatezza dei governanti dei vari Paesi che riescono a infilare una serie di topiche importanti, come i conflitti dettati da diversa appartenenza politica fra governi centrali e regionali. Tutta Europa non ha bisogno di questo, ma di voci univoche e interventi razionali per cercare di uscirne tutti quanti, se possibile assieme. Questa malattia se ne infischia delle frontiere, il virus non ha bisogno del passaporto per passare da un Paese all'altro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza