cerca CERCA
Venerdì 07 Maggio 2021
Aggiornato: 23:57
Temi caldi

Galli: "Le misure basteranno? Dipenderà dalla variante inglese"

05 gennaio 2021 | 18.11
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Basteranno le misure varate dal governo per coprire il periodo delle feste natalizie e quelle per questi giorni che prevedono tra le altre cose zona arancione nel weekend e spostamenti ancora fermi fra regioni fino al 15 gennaio? "Sono una modalità di contenimento" del contagio da Covid-19. "Se basteranno lo vedremo. Il virus ci ha riservato una serie di sorprese. Bisognerà anche vedere quanto circoli o andrà a circolare la famosa variante inglese, che potrebbe avere una capacità di contagio ancora maggiore. In una fase in cui sarà troppo presto per vedere l'impatto della vaccinazione". E' il quadro tracciato da Massimo Galli, primario infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano e docente all'università Statale cittadina.

"Il discorso si sta giocando su possibili compromessi tra esigenze di tipo produttivo e lavorativo ed esigenze dal punto di vista epidemiologico. I dati non ci raccontano storie sempre rassicuranti - puntualizza l'esperto all'Adnkronos Salute - Ci sono anche alcune regioni che stanno dando segnali di frenata nei miglioramenti o anche di inversione di tendenza Queste ultime regioni in particolare sono da considerare con la dovuta attenzione. Questo non vuol dire che nelle realtà dove l'andamento di Covid va bene si possa allentare la tensione. Ma merita particolare considerazione il fatto che alcuni trend che stiamo vedendo sono avvenuti in realtà che hanno avuto nelle settimane precedenti delle restrizioni minori".

Le misure ovunque, "in Italia come altrove", fa notare Galli, "sono sempre state un compromesso fra le esigenze diverse. Non è che abbiamo fatto peggio degli altri Paesi, proprio no. E' chiaro che, avendo da infettivologo determinate attenzioni, mi vien da dire che un po' ovunque le misure assunte hanno dimostrato i loro limiti. L'unica eccezione è rappresentata da quanto messo in campo a priori in realtà come il Giappone e la Corea del Sud, o anche la Cina che è stata talmente drastica che ora a Wuhan si fanno feste in piazza per salutare il nuovo anno. Ma lì se trovano 10 casi fanno 9 milioni di tamponi, e hanno inoltre messo su una produzione di tamponi per tutto il mondo. Si sono dati da fare in maniera indiscutibilmente funzionale. Poi possiamo parlare di problematiche di responsabilità e quant'altro, ma non si può negare questo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza