cerca CERCA
Sabato 19 Giugno 2021
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Calcio: Garcia, tutte le strisce hanno una fine, torniamo a vincere in casa

15 marzo 2015 | 14.36
LETTURA: 4 minuti

L'allenaotre giallorosso vuole tornare a vincere all'Olimpico dove i tre punti mancano da oltre tre mesi: "E' sempre un onore giocare nel nostro stadio davanti alla Curva Sud e deve essere una motivazione in più, non inibire la squadra".

alternate text
Rudi GarciaAllenatore Roma(Infophoto) - INFOPHOTO

"Tutte le strisce hanno una fine e ora bisogna tornare alla vittoria all'Olimpico, è sempre un onore giocare nel nostro stadio davanti alla Curva Sud e deve essere una motivazione in più, non inibire la squadra". Il tecnico della Roma, Rudi Garcia, vuole battere la Sampdoria e ritrovare i tre punti allo stadio Olimpico che mancano per i giallorossi da oltre tre mesi e cioè dal successo sull'Inter di fine novembre. "Se vediamo tutte le ultime partite, la squadra ha sempre fatto delle cose interessanti -sottolinea Garcia in conferenza stampa alla vigilia della sfida con i blucerchiati-. Non con continuità, ma è stata molto in svantaggio e ha sempre rimontato. Questo vuol dire che la squadra ha un'unione forte".

L'allentore giallorosso aggiunge di non pensare al match di ritorno di Europa League contro la Fiorentina e di essere concentrato solo sul campionato: "Non intendo gestire nulla, non penserò a giovedì. A Firenze abbiamo segnato un gol importante ma siamo solo all'intervallo". Contro la Sampdoria torna a disposizione capitan Totti: "Ha fatto un solo allenamento con noi ma conto su di lui come su tutti gli altri. Ho una rosa a disposizione e me ne servo. Ogni giocatore è importante per me, la storia di una stagione insegna che chi non gioca per un periodo può diventare importante dopo. Ho altri attaccanti, sta tornando anche a Ibarbo, che sarà in gruppo martedì. Sarà una risorsa in più, preferisco avere delle scelte e poter mettere in campo la squadra migliore". (segue)

Garcia chiude le polemiche su De Rossi, dopo l'errore di giovedì a Firenze e sulle parole di Nainggolan: "Daniele è un grande campione, ha più di 100 presenze in nazionale è un giocatore che sa fare tutto. Ha sbagliato un passaggio infortunandosi, può succedere. Non cambia nulla, resta un giocatore importante e ci aiuterà in questa stagione e nelle prossime. Nainggolan ha fato discutere tanti ma è una non vicenda".

L'allenatore giallorosso parla poi di Alessandro Florenzi utilizzato in diversi ruoli in questa stagione: "Sa attaccare e difendere, è un giocatore offensivo di fascia destra, lo schiero dove la squadra ha bisogno di lui. Ha anche finito la gara a centrocampo".

Infine capitolo Sampdoria: "E' una buona squadra, molto fisica, fa tanti falli, ti ferma l'azione offensiva subito. Hanno cambiato reparto offensivo durante il mercato, hanno preso giocatori forti. Dall'inizio della stagione stanno facendo molto bene, con un buon allenatore, come Mihajlovic che fa grandi cose ed è anche un un po' furbino quando dice che Ljajic deve essere più egoista. Per noi non cambia niente, qualsiasi squadra avremo di fronte, sapremo cosa fare", conclude Garcia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza