cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 00:27
Temi caldi

Fondi Ue: Gdf Italia Meridionale, frodi per 177 mln euro scoperte in 5 mesi

23 giugno 2015 | 10.00
LETTURA: 3 minuti

E' il bilancio dell'attività, svolta nei primi cinque mesi dell'anno, dei militari della Guardia di Finanza delle regioni Campania, Puglia, Molise e Basilicata volta al controllo sulla corretta percezione di fondi comunitari e nazionali

alternate text

Frodi per 177 milioni di euro individuate e 276 persone denunciate nei cui confronti sono stati sequestrati beni e disponibilità finanziarie per oltre 17 milioni di euro. E' il bilancio dell'attività, svolta nei primi cinque mesi dell'anno, dei militari della Guardia di Finanza delle regioni Campania, Puglia, Molise e Basilicata volta al controllo sulla corretta percezione di fondi comunitari e nazionali.

I dati sono stati diffusi in occasione della celebrazione del 241° anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza che si è tenuta a Napoli, nella piazza d'armi della Caserma Zanzur, alla presenza del comandante interregionale dell'Italia Meridionale, generale di corpo d'armata Riccardo Piccinni, e del comandante regionale Campania, generale di divisione Fabrizio Carrarini.

Le Fiamme Gialle si sono concentrate anche sul fronte degli appalti pubblici: da gennaio a maggio sono state eseguite 21 ispezioni riferibili ad appalti aventi un valore complessivo pari a 282 milioni di euro. Al termine delle indagini circa 30 milioni di euro sono risultati assegnati irregolarmente; 68 i soggetti denunciati all’autorità giudiziaria.

Per quanto riguarda il contrasto alle frodi fiscali, le varie articolazioni dei reparti insistenti nelle regioni Campania, Puglia, Molise e Basilicata hanno sviluppato circa 655 investigazioni estese a tutti i reati fiscali, economici e finanziari, nel cui ambito sono state sinora avanzate all’autorità giudiziaria proposte di sequestro di beni per circa 510 milioni di euro.

Nel quadro della lotta all'economia sommersa, i finanzieri delle quattro regioni hanno scoperto 508 imprese completamente sconosciute al fisco ed individuato oltre 1.900 tra lavoratori in nero o irregolari. Capillare anche l'attività di vigilanza presso i porti e gli aeroporti, con lo svolgimento di investigazioni tese a contrastare il contrabbando di sigarette, comprese quelle contraffatte o, comunque, non rispondenti agli standard europei di produzione e commercializzazione, nocive per la salute dei consumatori.

Lo sforzo informativo e investigativo finalizzato ad individuare e disarticolare le “filiere” criminali che gestiscono l’importazione, il deposito e lo smercio dei tabacchi lavorati esteri, ha consentito di sequestrare oltre 50 tonnellate di Tle. Sul fronte dell'aggressione ai patrimoni della criminalità organizzata, i reparti dell’Interregionale hanno eseguito nel corso dell’anno 286 accertamenti antimafia che hanno consentito il sequestro di beni e di disponibilità finanziarie per oltre 450 milioni di euro, nonché di avanzare ulteriori proposte di sequestro per un ammontare complessivo per quasi 855 milioni di euro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza