cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 19:43
Temi caldi

Fisco: Gdf Umbria, un evasore totale scoperto ogni due giorni nel 2014

24 giugno 2014 | 15.16
LETTURA: 3 minuti

Scoperti dalle fiamme gialle da gennaio a maggio. In tutto sono 420 i milioni di euro sottratti all'imposizione diretta dei redditi e 270 milioni di euro di Iva evasi

alternate text

Un evasore totale scoperto ogni due giorni, è questo il rapporto che emerge se si considerano gli evasori totali e paratotali scoperti dalla guardia di finanza da gennaio a maggio in Umbria. Sono infatti 91 gli evasori totali e paratotali dai quali sono stati recuperati a tassazione circa 55 milioni di euro di imposte dirette e quasi 8 milioni di IVA evasa. In tutto, nel 2014 in Umbria, sono 420 i milioni di euro sottratti all'imposizione diretta dei redditi e 270 milioni di euro di Iva evasi: la guardia di finanza dell'Umbria lo ha reso noto durante le celebrazioni del 240° anniversario della fondazione del corpo.

Con 311 ispezioni contabili (di cui 137 verifiche fiscali e 174 contolli) i militari della finanza dell'Umbria hanno riscontrato queste cifre che hanno portato al sequestro conservativo a tutela della pretesa erariale di 90 milioni di euro. Di queste cifre, i finanzieri hanno recueprato 2,5 milioni di euro di imposte dirette e 500 mila euro di Iva, versati dai contribuenti che hanno scelto di risolvere i loro problemi con l'adesione ai verbali di contestazione.

Nell’attività dei reparti, particolare rilievo, hanno assunto le segnalazioni per operazioni sospette, inoltrate dagli istituti di credito allorquando rilevano transazioni finanziarie che presentano particolari tratti di pericolosità fiscale. Nel corso del 2014, sono state sviluppate 147 segnalazioni. L’attività di contrasto al lavoro sommerso ha permesso di individuare 61 lavoratori in nero e 6 lavoratori irregolari. In materia di ricevute e scontrini fiscali, i controlli sono stati oltre 1.800, con la constatazione dell’omesso rilascio dei citati documenti nel 28% dei casi. I controlli su strada relativi al documento di accompagnamento dei beni viaggianti sono stati circa 650.

Particolare importanza assume l’attività svolta nei confronti di soggetti condannati per gravi reati - soprattutto per criminalità organizzata - che, attraverso l’istituto del sequestro preventivo ai fini della confisca, permette di sottrarre alla loro disponibilità le possidenze materiali e finanziarie non giustificabili con i redditi dichiarato.

Dall’inizio dell’anno, sono state eseguiti 51 accertamenti, confiscati beni per quasi 600 mila euro e inoltrate all’Autorità Giudiziaria proposte di sequestro per oltre 3 milioni di euro.

Nei primi mesi del 2014, sono stati sequestrati oltre 46mila articoli non in linea con gli standard di sicurezza europei. L’attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti ha permesso di sequestrare oltre 8,2 kg. di droghe leggere (hashish e marijuana) e 1,453 kg. di droghe pesanti (cocaina, eroina). Complessivamente sono state denunciate 69 persone, di cui 15 in stato di arresto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza