cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 21:59
Temi caldi

Germania manda Tornado contro l'Is. Pronta anche nave da guerra

26 novembre 2015 | 14.44
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto Afp)

Berlino si unisce alla coalizione contro l'Is in Siria. Il governo tedesco ha deciso di inviare i Tornado per missioni di ricognizione, diventando "un contributore della missione più attivo di quello che era finora", ha detto il parlamentare della Cdu, Henning Otte, dopo una riunione della cancelliera Angela Merkel, con i ministri competenti. "Non rafforzeremo solo la nostra missione di formazione dei militari nel nord dell'Iraq - ha sottolineato Otte - ma amplieremo anche il nostro impegno nell'ambito della lotta all'Is inviando caccia Tornado di ricognizione". L'annuncio arriva all'indomani della visita a Parigi della Merkel, in solidarietà con la Francia per gli attacchi del 13 novembre, e dell'incontro con il presidente Francois Hollande, al quale aveva anticipato l'invio di 650 soldati tedeschi in Mali per sostituire le truppe francese. Nel pomeriggio è prevista una riunione dei gruppi parlamentari del Bundestag per discutere della missione dei caccia in Siria. La Germania metterà a disposizione della coalizione contro lo Stato islamico anche una nave da guerra ed almeno un aereo da rifornimento. Rimanere fuori dalla coalizione internazionale contro lo Stato Islamico, ha sottolineato il ministro tedesco della Difesa, Ursula von der Leyen, non è possibile per la Germania se si vuole contrastare la minaccia terroristica. "Se vogliamo combattere il terrorismo e le ragioni che spingono la gente a fuggire, dobbiamo farlo sul posto", ha detto la von der Leyen, riferendosi sia alla minaccia terroristica che al dramma dei rifugiati, dopo che il governo tedesco ha deciso di inviare i suoi Tornado per missioni di ricognizione. A suo parere quella contro lo Stato Islamico sarà una guerra lunga, ma che potrà essere vinta militarmente come dimostrano le recenti sconfitte subite sul campo dall'organizzazione terroristica in Siria e in Iraq.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza