cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 05:24
Temi caldi

Pd

Giachetti: "Se vinco primarie, capelli giallorossi"

27 febbraio 2019 | 16.03
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti, candidati alle primarie del Partito democratico (FOTOGRAMMA)

"Se vinco le primarie mi faccio i capelli giallorossi con lo spray temporaneo, lo faccio, aggiudicato. Mi faccio una foto e la twitto". E' la promessa di Roberto Giachetti, ospite a 'Un Giorno da Pecora' su Rai Radio1. Quanti al voto domenica per le primarie del Pd? "Se a votare saranno 700mila persone saremmo l'unico partito, l'unica forza politica del Paese in grado di portare tutte questa gente, fisicamente, a votare".

Se lei diventasse segretario, vorrebbe far tornare nel Pd persone come Bersani o D'Alema? “Se sarò io a fare il segretario no. Se ne sono andati ed è bene che percorrano la strada che hanno intrapreso”. Giachetti segretario del Pd: si sente in grado di battere Salvini? “L'uomo giusto per battere Salvini sono io, non Zingaretti, altrimenti avrei appoggiato lui”. Lei si voterà? “Sì, io penso di votarmi“. E la sua ex moglie? “Credo che voterà per me. E forse mi voteranno anche i miei figli”. E se votassero Martina o Zingaretti? “Gli sego le gambe prima che vadano al seggio o gli tolgo gli alimenti".

Tuttavia, se nessuno arriva al 50% domenica, il segretario sarà poi scelto dall'Assemblea. “Lo prevede lo Statuto del partito”. E' giusto che il nuovo segretario possa essere scelto dall'Assemblea e non dai voti nei gazebo? “Io penso che sia sbagliato addirittura che si vada a fare il ballottaggio in tre alle primarie: i ballottaggi si fanno in due”. Ma così, per i voti presi, sarebbe rimasto fuori lei. “Io mi sarei candidato - ha concluso a Rai Radio1 - se non ce l'avessi fatta non avrei votato né per Martina né per Zingaretti”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza