cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:39
Temi caldi

Polizia locale: giovedì vigili in piazza a Roma, sindacati 'saremo migliaia'

10 febbraio 2015 | 15.07
LETTURA: 4 minuti

La Csa stima un'adesione dell'80% per il primo sciopero nazionale della categoria: "Arriveranno da tutta l'Italia". Il corteo partirà da piazza della Repubblica verso le 10,30 e terminerà a piazza della Bocca della Verità

alternate text

Roma si sta preparando per accogliere migliaia di agenti delle polizie locali che arriveranno giovedì 12 febbraio nella Capitale a bordo di pullman, treni e aerei.

"Ho sentito altre sigle sindacali e potrei dire che l'adesione allo sciopero potrebbe essere dell'80%", ha detto Francesco Garofalo, segretario generale della Confederazione Sindacati autonomi, che insieme all'Ospol ha organizzato sciopero e manifestazione di giovedì, per rivendicare quelle stesse tutele, assicurazioni e diritti che hanno tutti i corpi di polizia. Manifestazione e sciopero si svolgono in attesa di una risposta dal governo, dato che è stata inviata una lettera al presidente del Consiglio Matteo Renzi, nella quale viene chiesto al premier di ricevere una delegazione.

"Arriveranno da tutta l'Italia, capoluoghi di provincia e non. Il corteo partirà da piazza della Repubblica verso le 10,30 - ha detto Luigi Marucci, presidente nazionale dell'Ospol Csa - per proseguire in via delle Terme di Diocleziano e quindi giungere in Via dei Fori Imperiali e a piazza Venezia dove ci fermeremo per deporre una corona di alloro al monumento del Milite Ignoto in onore dei caduti di tutte le divise. La manifestazione proseguirà per via del Teatro Marcello e ci raduneremo tutti a piazza della Bocca della Verità - ha spiegato Marucci - dove verrà allestito un palco dove i diversi terranno i propri interventi".

"E' la prima volta che le polizia locali scioperano e manifestano in maniera così massiccia: sarà una manifestazione di uomini e donne in divisa. Hanno aderito l'Associazione nazionale vigili urbani d'Italia (Anvu), il Siapol e tante associazioni sindacali del nord, c'é chi viene da Bolzano, e dal sud, ci sono rappresentanti di province della Sicilia. Sono attesi decine di pullman da tutto il Paese"

"Attendiamo poi una risposta dal governo, dato che abbiamo inviato oltre ad una lettera, anche un telegramma al premier Renzi e al sottosegretario Delrio nel quale chiediamo di essere ricevuti - ha detto ancora Marucci - per poter spiegare quali siano, da anni, le rivendicazioni di 60mila agenti e ufficiali di polizia locale che operano con un contratto da impiegati comunali. Vogliamo sapere se il governo intende continuare a considerarci come tali oppure accettare il fatto che siamo un corpo di polizia a 360 gradi. Noi stiamo lottando per avere lo stesso status, le stesse tutele, assicurazioni e diritti degli altri corpo di polizia".

"Non vogliamo essere un corpo di serie B - ha aggiunto il sindacalista - il poliziotto ha lo sfollagente, il giubetto antiproiettile, il casco quanto opera in ordine pubblico, il vigile che opera accanto a lui ha il fischietto. Noi vogliamo appartenere alla polizia, vogliamo quelle tutele che ci spettano come anche la sicurezza sul luogo di lavoro ed il monitoraggio per le malattie professionali. Siamo una categoria continuamente a contatto con lo smog, l'inquinamento perché non possiamo avere le mascherine?".

"La situazione attuale non è più sostenibile - rincara la dose Garofalo, abbiamo ora una specificità tale da dover essere inseriti nel comparto della polizia: indossiamo una divisa e siamo presi di mira da criminali: un ladro o un rapinatore vede la divisa e reagisce e poi siamo esposti a condizioni di lavoro sempre più difficili, insomma siamo stanchi e vogliamo portare a termine una strada, un percorso di rivendicazioni iniziato molti anni fa. Da ora in poi non faremo passi indietro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza