cerca CERCA
Domenica 25 Luglio 2021
Aggiornato: 22:55
Temi caldi

Gismondo: "Vaccino entro l'anno utopia scientificamente infondata"

09 settembre 2020 | 10.23
LETTURA: 1 minuti

La microbiologa dell'ospedale Sacco: "Ci sono tempi necessari per la sicurezza, non facciamo corsa in avanti"

alternate text
Maria Rita Gismondo (Fotogramma)

"Il vaccino ha bisogno dei suoi tempi. Per cortesia, non facciamo una corsa in avanti dicendo che vaccineremo già a fine anno: è un'utopia scientificamente infondata". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica, Virologia e Diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano, commentando la sospensione dei trial clinici sul vaccino AstraZeneca-Oxford per la reazione avversa in un partecipante alla sperimentazione.

"Purtroppo nella scienza dire l'avevo detto è molto triste, perché in ballo ci sono la salute e le speranze della gente. Ma la notizia che AstraZeneca ha interrotto momentaneamente i test sul vaccino - prosegue Gismondo - dà credito a quanto detto da alcuni di noi, come l'immunologo Alberto Mantovani: il vaccino ha bisogno di tempi lunghi per essere sicuro, non si può abbreviare nessuna fase. Già nella fretta" dei test per arrivare prima possibile a un vaccino contro il virus Sars-Cov2 "abbiamo qualche caso da dover esaminare e approfondire per effetti collaterali e indesiderati: vogliamo ancora accelerare e rischiare?"

"Non si può illudere la gente", rimarca Gismondo. Non solo. "Così facendo, correndo, facciamo il gioco dei no vax e rischiamo vittime da mancate altre vaccinazioni come quella contro il morbillo e altre malattie trasmissibili prevenibili", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza