cerca CERCA
Mercoledì 20 Gennaio 2021
Aggiornato: 15:35

Giuseppe, il 32enne italiano votato alla Jihad

23 gennaio 2019 | 20.54
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Afp)
Catania, 23 gen. - (Adnkronos)

Giuseppe, il 32enne catanese arrestato dalla polizia per apologia del terrorismo, si era convertito in carcere nel 2011, a Caltagirone, mentre stava scontando una condanna a cinque anni di reclusione per violenza sessuale.

Diceva di essere marocchino e di chiamarsi Yussuf. Aveva iniziato una capillare campagna sui social media sollecitando una guerra santa in Italia. Per questo inviava inni in favore dell'Isis ed incitava a prendere un fucile o un coltello ed andare ad ammazzare qualcuno ovvero a "fare pulizia a Milano, in Calabria...", manifestando odio verso qualsiasi cosa rappresentasse l'Occidente. Aveva anche ridotto in schiavitù la compagna che costringeva a portare il velo e a vedere immagini e video di crudeli esecuzioni di ‘infedeli’.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza