cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 07:01
Temi caldi

Ambiente: Adiconsum-Ecodom, consumatori italiani 'sostenibili e critici'

04 febbraio 2015 | 11.56
LETTURA: 3 minuti

Presentati i risultati di uno studio condotto da Adiconsum ed Ecodom, dal quale è emerso che più della metà degli intervistati (60%) si sente molto responsabile per la salvaguardia dell'ambiente in cui vive. Giordano: "La sostenibilità ambientale ha delle potenzialità enormi per lo sviluppo del Paese" (Video)

alternate text
(Infophoto)

Consumatori italiani 'sostenibili' cioè sensibili alle tematiche ambientali e con una coscienza ecologica sviluppata e critica. E' il profilo che emerge dall'indagine on-line 'Conosciamo l’Ambiente' condotta, su un campione di circa 2.500 persone particolarmente sensibili alle tematiche ambientali, da Adiconsum, associazione per la difesa dei consumatori e dell'ambiente, ed Ecodom, consorzio Italiano per il recupero e riciclaggio degli elettrodomestici (Video).

La ricerca, effettuata nell'ultimo trimestre del 2014, ha evidenziato, in prima battuta, come i soggetti che hanno risposto al questionario, rappresentino un campione fortemente interessato alle questioni ambientali: il 71% dichiara, infatti, di informarsi attraverso i mass media, il 14% fa parte di un’associazione che si occupa di ambiente e circa il 13% partecipa periodicamente a seminari o convegni sul tema. Il 60% degli intervistati, inoltre, si sente in prima persona "molto responsabile" della salvaguardia dell'ambiente in cui vive, dimostrando una coscienza ecologica particolarmente sviluppata e critica, ma ben il 71% del campione sostiene che le responsabilità maggiori siano da attribuire alle istituzioni.

Sul fronte degli interventi, i consumi energetici vengono indicati al primo posto tra i fattori critici su cui agire per migliorare la qualità dell’ambiente (85%). Seguono, a pari merito, con il 75% delle risposte, l’inquinamento dell’acqua, la presenza degli elettrodi/antenne, lo spreco di acqua, l’inquinamento del suolo e del sottosuolo. Solo il 4% del campione ritiene ottima la qualità dell’ambiente in cui vive; per il 9% è buona, per il 16% sufficiente, scarsa per il 31% e discreta per il 40%.

"La conoscenza è il primo passo verso la consapevolezza. Avere ben chiaro che il futuro dell’ambiente in cui viviamo è nelle nostre mani è un ottimo punto di partenza", sostiene Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom. "Questa indagine - continua Pietro Giordano, presidente nazionale di Adiconsum - rappresenta un punto di arrivo e al contempo di ripartenza di un percorso più ampio che stiamo portando avanti per promuovere un modello di mercato non più sterile e incentrato solo sul profitto, ma proiettato verso la sostenibilità. Una sostenibilità che, a nostro avviso, deve essere coniugata su più fronti: economico, sociale, e infine, ma non ultimo, ambientale, che non possono prescindere l'uno dall'altro. La sostenibilità ambientale ha delle potenzialità enormi per lo sviluppo del Paese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza