cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 18:02
Temi caldi

Governo: Berlusconi, Italia va cambiata, 51% vorrebbe andar via

29 marzo 2015 | 14.51
LETTURA: 2 minuti

Il leader di Forza Italia attacca governo Renzi, in collegamento telefonico con la convention azzurra all'Ergife di Roma: ''Non è democrazia, c'è oppressione fiscale e giudiziaria''. Poi: ''Irrilevanti, semestre Ue chiuso senza risultati''. Scontro tra capigruppo di FI. Romani: "Brunetta intransigente con Renzi". La replica: "Meglio che inesistente"

alternate text
Silvio Berlusconi (foto Infophoto) - INFOPHOTO

"Noi non vogliamo cambiare Paese ma cambiare il Paese, non intendiamo arrenderci a questa situazione... ". In collegamento telefonico con la convention azzurra di Antonio Tajani a Roma, Silvio Berlusconi torna a criticare il governo Renzi denunciando "l'oppressione fiscale, giudiziaria e burocratica" attuale che "fa dire al 51 per cento degli italiani che preferirebbe cambiare Paese".

"Dopo tre governi non eletti dal popolo ora ci troviamo di fronte ad una non democrazia, che ci sottopone ad una oppressione fiscale, giudiziaria e burocratica", che ci porta ad andar via, ma "noi non vogliamo cambiare Paese, vogliamo rinnovarlo".

L'attacco al governo Renzi, passa anche per il ruolo dell'Italia in Europa. ''Siamo irrilevanti in Europa il semestre si è chiuso senza risultati e il nostro commissario, l'Alto rappresente per la politica estera, è escluso dalle trattative".

Berlusconi coglie l'occasione per puntare il dito su quei "partiti che fanno della protesta e dello sfascio la loro bandiera", mettendo l'accento sulla diversità del partito azzurro. "Noi rappresentiamo quella maggioranza tranquilla, coraggiosa e di buonsenso del Paese", non siamo portatori "né di estremismi né di disfattismi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza