cerca CERCA
Venerdì 28 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:01
Temi caldi

Cdm approva Dl terremoto, Gentiloni: "Non potevamo aspettare Bruxelles"

02 febbraio 2017 | 12.02
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Dl terremoto, 'disposizioni urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017'. Il governo, il ministro dell'Economia Padoan, ''intende stanziare una cifra superiore a un miliardo di euro, per affrontare le conseguenze dell'ultima scossa di terremoto e in generale dell'attività sismica di questi tragici mesi, per sostenere le popolazioni vittime del sisma e per far fronte all'emergenza".

Sindaco di Amatrice: "Su zone franche si gioca la vera partita"

"L'Italia - ha commentato il premier Paolo Gentiloni al termine del Cdm - non dimenticherà questo colpo inferto a una parte così rilevante del nostro territorio. Ma oltre a non dimenticare, l'Italia deve reagire con decisione con un obiettivo molto semplice: mettere in campo tutte le norme e le iniziative necessarie per accelerare il percorso sia di emergenza che di ricostruzione".

Il decreto approvato dal Cdm sulle aree colpite dal terremoto si occupa di "evitare il crearsi di strozzature burocratiche, prevenirle", ha sottolineato ancora il premier.

Il Dl sul terremoto approvato dal Cdm contiene una serie di norme "per cittadini delle zone colpite", ha continuato Gentiloni, che ha parlato di "proroga cassa integrazione, busta paga pesante, introduzione anticipata rispetto alla legge delega in discussione al Senato delle norme sulla povertà, meccanismi di sospensione del pagamento dei tributi e agevolazioni fiscali".

"Non abbiamo il conto esatto dell'ammontare delle risorse coinvolte, sono risorse molto, molto consistenti, diverse centinaia di milioni", ha aggiunto il premier. "Abbiamo risorse nelle legge di bilancio, ne stiamo mettendo in campo ulteriori".

Per le zone terremotate, spiega ancora il premier, "abbiamo anticipato nella lettera a Bruxelles della necessità di ulteriori risorse. Intanto, però, non possiamo aspettare chissà quali superiori determinazioni: noi decidiamo e ci prendiamo le nostre responsabilità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza