cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 01:00
Temi caldi

Lavoro: governo pronto a riforma per decreto, sindacati sul piede di guerra

29 settembre 2014 | 09.41
LETTURA: 2 minuti

Il presidente del Consiglio Renzi ha ribadito la necessità di cambiare lo Statuto dei lavoratori. Oggi riunione dei sindacati.

alternate text

Il governo sembra intenzionato a varare la riforma del lavoro, con la cancellazione dell'articolo 18, rapidamente, anche per decreto e senza cercare una soluzione condivisa con le parti sociali. I sindacati, che oggi si riuniscono nella sede della Cisl, sono sul 'piede di guerra' e hanno già annunciato una mobilitazione se il governo continuerà per la sua strada.

Da parte sua, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha ribadito la necessità di cambiare lo Statuto dei lavoratori: "Va cambiato tutto lo Statuto dei lavoratori, è stato pensato 44 anni fa. È come se uno cercasse di mettere il rullino in una macchina fotografica digitale: sono due mondi che non dialogano. Nel merito, l'articolo 18 non difende tutti. Anzi, in fin dei conti non difende quasi nessuno. Nel 2013 i lavoratori reintegrati sono stati meno di tremila: considerando che i lavoratori in Italia sono oltre ventidue milioni stiamo parlando dello 0,0001%".

"È solo un tema strettamente ideologico. Il reintegro spaventa gli imprenditori e mette in mano ai giudici la vita delle aziende. Va tenuto solo per i casi di discriminazione. Per gli altri indennizzo e presa in carico da parte dello Stato. Perdi il lavoro? Io Stato ti aiuto a ritrovarlo, facendoti corso di formazione e almeno due proposte di lavoro", ha detto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza