cerca CERCA
Martedì 31 Gennaio 2023
Aggiornato: 21:10
Temi caldi

Armi a Ucraina, Cdm approva decreto

01 dicembre 2022 | 18.50
LETTURA: 4 minuti

Ok anche al provvedimento per le misure per Ischia. Approvato anche il dl 'salva Lukoil'. Meloni: "Soddisfatta"

alternate text
Fotogramma /Ipa

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto per prorogare l'invio di armi dall'Italia all'Ucraina fino al 31 dicembre 2023. Secondo quanto riferiscono fonti di governo, il Cdm ha approvato a inizio riunione, all'unanimità, il decreto che consente di continuare a inviare armi a Kiev. Approvato anche il nuovo provvedimento con nuove misure per Ischia, dopo la tragedia che ha colpito l'isola sabato scorso. Approvato anche il dl 'salva Lukoil': amministrazione temporanea per la raffineria di Priolo.

Leggi anche

A quanto apprende l'Adnkronos, il Consiglio dei ministri ha nominato Claudio Galzerano Direttore centrale della polizia delle frontiere e dell'immigrazione. Dirigente di Polizia, Galzerano è a capo del Centro europeo antiterrorismo di Europol.

DL UCRAINA - E' prevista "fino al 31 dicembre 2023, previo atto di indirizzo delle Camere, l'autorizzazione alla cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle autorità governativa dell'Ucraina". Così il dl approvato dal Cdm.

DL ISCHIA - Il Consiglio dei ministri ha inoltre approvato, sempre all'unanimità, il nuovo decreto legge per l'emergenza Ischia, con stanziamenti per altri 10 milioni per gli interventi della Protezione civile nelle aree colpite, la sospensione dei versamenti tributari e delle cartelle esattoriali e lo stop alle udienze dei procedimenti civili e penali pendenti, che vengono rinviati dopo il 31 dicembre 2022.

DL LUKOIL - Disco verde del Cdm, quindi, anche al decreto legge a tutela degli interessi nazionali sui settori produttivi strategici. Il dl consente di sminare il rischio di chiusura della raffineria Isab di Priolo, controllata indirettamente dal colosso russo Lukoil. Due arterie, una sul settore degli idrocarburi - leggi Lukoil di Priolo - l'altra sul golden power. Il provvedimento, spiegano fonti di governo, prevede un'amministrazione temporanea, con un commissario che può essere rinnovato due volte, con la formula 12 mesi più 12. Lukoil ha tempo fino a giugno 2023 per avanzare la richiesta di amministrazione temporanea, altrimenti -viene spiegato- il governo può disporre di 'procedere d'ufficio'. Il decreto, approvato all'unanimità, ha visto il gioco di squadra dei ministeri dell'Economia, dell'Impresa e del Made in Italy, dell'Ambiente e della Sicurezza energetica.

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, "esprime soddisfazione per l’approvazione in Consiglio dei ministri di un decreto legge a tutela dell’interesse nazionale nei settori produttivi strategici. Una norma con la quale il Governo interviene, tra l’altro, per garantire la continuità del lavoro nella raffineria Isab di Priolo che impiega con l’indotto circa 10mila persone. Scopo dell'intervento d'urgenza è tutelare al tempo stesso un nodo energetico strategico nazionale e i livelli occupazionali così significativi per la Sicilia e l’intera Nazione".

MODIFICHE CODICE COMPORTAMENTO PA - Il Cdm, su proposta del ministro per la Pubblica amministrazione Paolo Zangrillo, ha approvato anche un regolamento concernente modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, recante “Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell’articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165”. Il testo, tra l’altro, si legge nella nota di Palazzo Chigi al termine del Cdm, disciplina l’utilizzo delle tecnologie informatiche prevedendo la facoltà per l’amministrazione di svolgere gli accertamenti necessari a verificare il loro corretto utilizzo e a garantire la sicurezza degli stessi sistemi informatici, nel pieno rispetto della tutela della privacy dei dipendenti.

Si prevede un obbligo di comportamento per i dipendenti conformato al rispetto dell’ambiente, finalizzato alla riduzione del consumo energetico, della risorsa idrica e più in generale dei materiali e delle risorse fornite dall’amministrazione per l’assolvimento dei propri compiti, nonché per la riduzione dei rifiuti e per il loro riciclo. Si vietano le discriminazioni, precisando che il dipendente è obbligato a conformare la condotta sul luogo di lavoro al rispetto della personalità, della dignità e dell’integrità fisica e psichica degli altri dipendenti e, in tema di rapporti con il pubblico, si prevede un comportamento idoneo alla soddisfazione dell’utente. Per i dirigenti, si specificano i canoni della condotta interna ed esterna in termini di integrità, imparzialità, buona fede e correttezza, parità di trattamento, equità, inclusione e ragionevolezza e si prevede il dovere dei dirigenti di cura e formazione dei collaboratori.

PROROGA COMMISSARIAMENTO COMUNE FOGGIA - Prorogata di sei mesi la durata della gestione commissariale del Comune di Foggia, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, in considerazione della necessità di proseguire nell’azione di ripristino della legalità.

DIFESA DEL SUOLO - Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, ha deliberato anche l’approvazione della Variante al Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico - Rischio frana e Rischio idraulico ex Autorità di Bacino regionale Campania sud e interregionale del fiume Sele. Comuni di Montecorvino Pugliano (SA) - via Macchia Morese area limitrofa al fabbricato rurale censito nel NCEU al F.9, particella 972; Salerno - Torrente Fuorni e Felitto (SA) - centro urbano. E l’approvazione del primo aggiornamento dei Piani di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA) dei seguenti distretti idrografici: Alpi orientali; Fiume Po; Appennino settentrionale; Appennino centrale; Appennino meridionale; Regione Siciliana; Regione Sardegna.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza