cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 11:58
Temi caldi

Green Pass, Berlusconi: "Basta con cattivi maestri"

17 ottobre 2021 | 08.56
LETTURA: 2 minuti

Il Cavaliere: "Sulla salute rimaniamo uniti"

alternate text
(Foto Fotogramma)

"Il Green pass e l'obbligo vaccinale per alcune categorie sono strumenti di tutela della vita e della libertà". Lo dice Silvio Berlusconi in un'intervista a Libero. "Grazie ai vaccini stiamo tornando verso una vita normale, nella quale si può lavorare nelle fabbriche" e negli uffici, si può andare a scuola in presenza, si possono frequentare cinema e teatri, ristoranti e centri sportivi. Hanno una strana idea di libertà coloro che pensano di avere il diritto di contagiare gli altri. Per fortuna sono molto pochi anche se rumorosi", sottolinea.

"Ovviamente sì. Mi sono vaccinato subito, appena è stato possibile farlo secondo le regole che sono state stabilite. E' una cosa logica per tutelare me, i miei cari, le persone che lavorano con me, le persone che incontro. Per contribuire a limitare la circolazione di questo pericoloso virus, con il rischio di nuove varianti ancora più pericolose", ha quindi aggiunto ribattendo poi all'osservazioni di alcuni opinionisti secondo i quali sostiene un governo illiberale: "Esattamente il contrario. E' il Covid - rimarca- che ha distrutto non solo tante vite umane ma anche tante aziende, tanti posti di lavoro".

Gli italiani, sottolinea Berlusconi, sono "un grande popolo che dà il meglio di sé proprio nelle emergenze nelle emergenze. Lo abbiamo dimostrato nella pandemia: di fronte a sacrifici gravi, ho visto una compostezza e un rispetto delle regole che fanno a pugni con l'immagine un po' anarchica di 'genio e sregolatezza che spesso accompagna gli italiani. La generosità con la quale in tanti, a cominciare dal personale sanitario fino agli addetti ai servizi essenziali, hanno messo a rischio la salute e la vita per consentire di superare la fase peggiore della pandemia rimarrà un modello e un esempio per tutti".

"Purtroppo- evidenzia poi - la storia del nostro Paese ha conosciuto tanti cattivi maestri che facendosi scudo del loro prestigio intellettuale e invocando la libertà di pensiero , di ricerca, si stampa hanno diffuso idee che altri hanno tradotto in pratica con conseguenze criminali. Naturalmente la libertà di espressione è un principio assoluto che va tutelato sempre ma fomentare la divisione del Paese su un tema che dovrebbe vedere gli italiani uniti è davvero irresponsabile".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza