cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 22:25
Temi caldi

Green pass obbligatorio, Renzi: "Chi dice no a vaccino paghi tampone"

17 settembre 2021 | 09.34
LETTURA: 2 minuti

Il leader di Italia Viva: "Bene Draghi, male sia la destra di Salvini e Meloni, sia la sinistra sindacale che ha detto no"

alternate text
Fotogramma

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori dal 15 ottobre, tamponi gratis per chi dice 'no' al vaccino? "Il tampone a prezzo calmierato, significa che con le tasse viene pagato un servizio a chi non si vuole vaccinare. Perché se uno non si vuole vaccinare, gli dobbiamo pagare il tampone? Perché deve avere il tampone gratis o a prezzo calmierato? Non è giusto". Così il leader di Iv, Matteo Renzi, ospite di 'Morning news' su Canale 5.

Leggi anche

Sull'obbligo di Green pass, il presidente del Consiglio Mario Draghi "ha fatto bene a insistere sull'estensione del green pass, uno strumento che ci permette di tornare alla normalità contro questo stramaledetto virus", ha detto ancora Renzi, aggiungendo: "I vaccini sono obbligatori dal 1888, non dal 2021, seguiamo la scienza. Bene Draghi, male sia la destra di Salvini e Meloni, sia la sinistra sindacale che ha detto no, come la Cgil di Maurizio Landini".

"Stamattina - ha continuato Renzi - ho scritto al ministro Speranza" suggerendo un'alternativa per la gestione delle presenze nella scuola: "per chi è vaccinato e ha il Green pass, non è giusto che il periodo di quarantena sia di 7 giorni. E' troppo lungo. Se qualcuno è entrato in contatto con una persona contagiata, non metterlo in quarantena per sette giorni, invece fai fare un tampone e vedi se la situazione è sotto controllo ma quello studente resti in classe. Altrimenti torni alla Dad".

E sui militanti del M5S, "hanno detto che devono spararmi e farmi fuori. Sono sicuro che Conte non lo pensi, mi dispiace un po' perché questo è il marchio di fabbrica dei 5Stelle che sono partiti con il 'Vaffa day', insultato, e adesso continuano con 'fatelo fuori... sparategli'. Mi piacerebbe vivere in un Paese in cui le idee diverse vengano rispettate. Non si può dire 'sparategli' se non sei d'accordo", ha spiegato tornando a commentare gli insulti e le minacce ricevute nel corso di un comizio di Giuseppe Conte, mercoledì scorso, in Toscana.

"Ho visto che Conte vuole dialogare con i Talebani, non mi sembra un'idea molto brillante. Beh visto che vuole dialogare con i Talebani, sarebbe bene che i politici italiani non venissero insultati, come è capitato a mese", ha concluso Renzi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza