cerca CERCA
Lunedì 18 Ottobre 2021
Aggiornato: 15:07
Temi caldi

Green pass, smart working e Pa: il piano di Brunetta

17 settembre 2021 | 12.39
LETTURA: 1 minuti

Il ministro: "Le condizioni: contratto, piattaforma, organizzazione e soddisfazione cittadini”

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

“Da gennaio ogni amministrazione potrà fare tutto lo smart working che vuole", afferma il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta a 24 Mattino su Radio 24, sottolineando: "Le condizioni: contratto, piattaforma, organizzazione e soddisfazione cittadini”. “Sto contrattualizzando questa forma di lavoro, da vecchio socialista quale sono, perché nel mondo del lavoro vedo prima il contratto e la contrattazione - ha detto - Si fa il lavoro da remoto? Benissimo ci sia un contratto che dia le regole. Lo stanno definendo per il pubblico impiego all’Aran che è l’agenzia contrattuale, entro un mese un mese e mezzo ci sarà il contratto".

Leggi anche

"Stiamo implementando le piattaforme tecnologiche, perché non si può fare smart working con il telefonino o con il computer di casa, anche perché ci vuole la sicurezza, vedi altrimenti la vicenda della Regione Lazio, e ci vuole l’organizzazione del lavoro, perché se non si organizza il lavoro in funzione del lavoro da remoto, come si fa a misurare la qualità, la produttività, il raggiungimento degli obiettivi? - ha continuato il ministro - E ci vuole pure un’altra cosa: la valutazione del customer satisfaction, della soddisfazione dei cittadini e delle imprese. Contratto, piattaforma, organizzazione del lavoro: tutto questo ci sarà nei prossimi mesi e da gennaio, sulla base di piani opportunamente predisposti, ogni amministrazione potrà fare tutto lo smart working che vuole a condizione che ci sia appunto, il contratto, la piattaforma e l’organizzazione specifica finalizzata al lavoro da remoto e che ci sia la soddisfazione dei cittadini”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza