cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 15:35
Temi caldi

Gualtieri: "Non abbiamo bisogno del Mes"

11 aprile 2020 | 20.13
LETTURA: 3 minuti

Il ministro dell'Economia: "Cresce il consenso per la proposta dell'Italia"

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

"Noi abbiamo dalla nostra parte la forza della ragione. Riteniamo che emettere titoli comuni per finanziare spese comuni che servono a mettere tutta l'economia europea in grado di affrontare una crisi senza precedenti sia la cosa più saggia da fare". A sottolinearlo è il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, in un'intervista al Tg3. "La proposta dell'Italia sta raccogliendo un consenso crescente, è tra le 4 proposte che l'Eurogruppo ha sottoposto ai leader del Consiglio europeo e - assicura- lavoreremo intensamente perché il fondo per la rinascita dell'Europa veda la luce".

NODO MES - ''Abbiamo sempre detto che il Mes non ha la dimensione adeguata per mettere in campo risorse necessarie, tra 1 e 1,5 trilioni''. ''Ci stiamo concentrando sugli eurobond e sul fondo per la rinascita dell'Europa, abbiamo detto che non abbiamo bisogno del Mes, ma ci siamo impegnati perché offra a tutti i Paesi che ne faranno richiesta, c'erano molti Paesi interessati, delle risorse senza nessuna condizionalità''. ''Questa è la proposta che l'eurogruppo mette sul tavolo del Consiglio europeo, che dovrà decidere se si potrà attivare per i Paesi che fanno richiesta di questa linea di credito senza nessuna condizionalità'', ricorda il ministro. ''Ma l'Italia -aggiunge- punta a un obiettivo più ambizioso: il fondo per la rinascita dell'Europa, e ci impegneremo con determinazione per realizzarlo''.

MISURE E TEMPI - ''In queste ore all'Inps si stanno erogando finalmente i 600 euro, che dovrebbero essere erogati entro la prossima settimana. La prossima tranche, per il mese di aprile, sarà erogata più rapidamente e sarà più consistente''. ''Per quanto riguarda i prestiti grandi, quelli con la garanzia di Sace, stiamo lavorando molto intensamente. Le banche la settimana prossima avranno già le regole d'ingaggio e potranno avviare e processare le domande. In poco tempo, entro la fine del mese, le garanzie potranno essere concesse e i prestiti erogati''. ''Una rapidità senza precedenti per mettere in campo misure straordinarie per sostenere la liquidità delle famiglie e delle imprese'', sottolinea il ministro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza