cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 05:00
Temi caldi

LIVE

1 / 4
Guerra Ucraina-Russia, ultime notizie oggi tempo reale: news 14 marzo

14 marzo 2022 | 07.56
LETTURA: 46 minuti

Nuovo tavolo, stavolta in videocollegamento, tra Kiev e Mosca per un ulteriore round di negoziati

alternate text
(Afp)

Guerra Ucraina e Russia, le ultime notizie del 14 marzo in tempo reale. Oggi nuovo tavolo, stavolta in videocollegamento, tra Kiev e Mosca per un nuovo round di negoziati. Stasera Zelensky riferisce sull'esito. A Roma il colloquio tra il consigliere per la sicurezza nazionale americano Jake Sullivan e il responsabile per la politica estera del Partito comunista cinese Yang Jiechi. Ecco le news di oggi:

Leggi anche

ORE 23.45 - Sarebbe stato portato a Luhansk, nel Donbass controllato dai russi, il sindaco rapito di Melitopol occupata. Lo riporta il Kviv Independent, spiegando che, secondo l'amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia, le forze russe hanno portato il sindaco Ivan Fedoriv a Luhansk, occupata dai russi, dove è accusato di "terrorismo".

ORE 23.39 - Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha presentato alla Verkhovna Rada un disegno di legge per estendere la legge marziale nel Paese. Lo ha annunciato il servizio stampa del parlamento ucraino. Secondo il canale televisivo ucraino "Dom", riporta la Tass, il presidente propone di estendere il regime della legge marziale dal 24 marzo per altri 30 giorni. La legge marziale è stata introdotta in tutta l'Ucraina il 24 febbraio.

ORE 23.36 - "Ci assicureremo che l'Ucraina disponga delle armi per difendersi dall'invasione russa. Invieremo denaro, cibo e aiuti per salvare vite ucraine. Daremo il benvenuto ai rifugiati ucraini a braccia aperte". Così in un tweet il presidente Usa Joe Biden.

ORE 23.33 - La Cina "si oppone a qualsiasi discorso o azione tesi a diffondere false informazioni, a distorcere o screditare la sua posizione". E' quanto ha sottolineato Yang Jiechi, responsabile della politica estera del Partito Comunista cinese, nel suo colloquio oggi a Roma con Jake Sullivan, il consigliere per la Sicurezza Nazionale Usa, secondo quanto riferisce un lungo comunicato pubblicato dalla Xinhua. In cui si i colloqui vengono definiti "una schietta, approfondita e costruttiva comunicazione sulle relazioni tra Cina e Stati Uniti, e su questioni internazionali e regionali di comune interesse".

ORE 23.29 - "Tutte le parti devono esercitare moderazione, proteggere i civili ed impediscano una crisi umanitaria di larga scala". E' quanto ha detto Yang Jiechi, responsabile della politica estera del Partito Comunista cinese, nel suo colloquio con Jake Sullivan, il consigliere per la Sicurezza Nazionale Usa, oggi a Roma, sottolineando che "è importante, per risolvere il contesto storico della questione ucraina, andare all'origine del problema e rispondere alle preoccupazioni legittime di tutte le parti".

Ed ha invocato la necessità di una "visione a lungo termine" per una "comune, complessiva, cooperativa e sostenibile sicurezza", si fa riferimento ad una "cornice di sicurezza efficace e sostenibile europea, basata sul principio della indivisibilità della sicurezza", principio cardine delle richieste presentate dalla Russia a Nato ed Usa.

ORE 22.56 - La Direzione generale della Marina mercantile spagnola ha ordinato oggi il sequestro dello yacht "Valerie", di 85 metri e del valore di 130 milioni di dollari, in applicazione delle sanzioni europee contro gli oligarchi russi. La barca, attraccata al porto di Barcellona, è collegata al magnate Sergey Chemezov, numero uno di Rostec, gigantesca holding pubblica russa con interessi soprattutto nella difesa, secondo quanto rivelato dai Pandora Papers, riporta oggi il Pais.

ORE 22.44 - "Bisogna dire che tutto è possibile in termini di sanzioni". Lo ha detto Emmanuel Macron intervistato questa sera su Tf1, sottolineando che "l'obiettivo è massimizzare il costo di guerra per la Russia e fare in modo che ad un certo punto decida di fermarsi". "Il nostro ruolo è cercare di fermare questa guerra senza fare la guerra - ha detto ancora il presidente francese - sanzionando la Russia ed aiutando l'Ucraina ed il suo popolo a sopravvivere ed isolando internazionalmente la Russia".

"Bisogna dire le cose a Vladimir Putin - ha aggiunto rendendo noto la sua intenzione di parlare di nuovo con il presidente russo "nelle prossime ore" - per rompere la sua logica, per spiegargli le conseguenze della sua linea di azione".

ORE 22.21 - La Corte di Giustizia Internazionale, il massimo organismo giuridico dell'Onu per le dispute tra Stati, annuncerà la sua decisione sul ricorso presentato dall'Ucraina per imporre misure contro la Russia che accusa falsamente Kiev di genocidio per giustificare la sua invasione. "Mercoledì 16 marzo la Corte emetterà un ordine sulla richiesta dell'Ucraina" si legge in un comunicato della Corte che ha sede all'Aja alla quale Kie ha chiesto "una decisione urgente che ordini alla Russia di mettere fine alle attività militari" negando nel modo più assoluto le accuse di genocidio. "La Russia non ha nessuna base legale per prendere misure contro l'Ucraina con il proposito di evitare nessun presunto genocidio" in Donbass, recita il ricorso del governo ucraino.

ORE 22.16 - Il Coreper, comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri a Bruxelles, ha approvato un quarto pacchetto di sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina, che colpisce individui ed entità coinvolti nell'aggressione a Kiev, nonché diversi settori dell'economia russa. Lo comunica la presidenza francese dell'Ue. Le misure saranno efficaci dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale Ue. Gli ambasciatori hanno anche approvato una dichiarazione alla Wto che sospende l'applicazione della clausola di nazione più favorita per la Russia e che sospende l'esame della richiesta di aderire alla Wto da parte della Bielorussia.

ORE 22.04 - "Questo incontro non era un negoziato su questioni o risultati specifici, ma uno schietto scambio di vedute". Così fonti dell'amministrazione Usa descrivono l'incontro che il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Jake Sullivan, ha avuto oggi a Roma con il responsabile della politica estera del Partito Comunista cinese. "E' stata una sessione intensa di sette ore a riflettere la gravità del momento, insieme al nostro impegno a mantenere aperte le linee di comunicazione", ha poi aggiunto l'alto funzionario.

Alla domanda se si ritiene che l'incontro abbia avuto successo ha poi risposto: "Credo che dipenda dalla definizione che diamo della parola successo, ma credo che sia importante - ha aggiunto - mantenere aperte le linee di comunicazione tra Usa e Cina, specialmente sulle aree in cui siamo in disaccordo".

E in questo quadro l'incontro di oggi a Roma è stato l'occasione per comunicare che "abbiamo preoccupazioni riguardo all'allineamento della Cina con la Russia in questo momento" e Sullivan "è stato diretto nel esprimere queste preoccupazioni e le potenziali implicazioni e conseguenze di certe azioni".

ORE 21.48 - Dopo il segretario di Stato Antony Blinken e la vice presidente Kamala Harris, anche il capo del Pentagono, Lloyd Austin, vola in Europa nel mezzo del conflitto in Ucraina. Secondo quanto ha riferito il portavoce del Pentagono, John Kirby, il segretario alla Difesa americano sarà a Bruxelles, per partecipare mercoledì alla riunione dei ministri della Nato, e poi andrà in Slovacchia e Bulgaria.

ORE 21.30 - "Il fatto che il presidente Putin abbia accusato gli Stati Uniti e l'Ucraina di avere un programma di armi chimiche è un chiaro modello, che abbiamo visto usare in passato, con cui cercano di creare una copertura alle loro azioni". Così Jen Paski ha ribadito la preoccupazione della Casa Bianca sulla possibilità che la Russia usi le armi chimiche e ribadito quanto detto da Joe Biden che "ci saranno severe conseguenze se la Russia usa le armi chimiche".

ORE 21.20 - "Sarà difficile vincere la guerra senza no fly zone, nonostante tutta la volontà dello stato ucraino di vincere. Abbiamo bisogno di sistemi di difesa aerea... Abbiamo cinque delle più grandi centrali nucleari europee, a cui bisogna assicurare la continuità di fornitura dell'energia elettrica. L'Occidente potrebbe chiudere il cielo sopra le centrali nucleari, altrimenti questa guerra distruggerà noi, loro, i polacchi, i lituani... Anche voi siete a rischio". Così la vicepremier ucraina Iryna Vereshchuck, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

ORE 21.19 - "Il popolo ucraino non accetterà l'occupazione russa della Crimea e del Donbass, non sono condizioni accettabili perché il Presidente Zelensky non potrebbe spiegare il perché di decine di migliaia di persone sono morte dal 2014, oltre 15 mila persone. Dobbiamo partire dal cessate il fuoco e dalla creazione di corridoi umanitari per i civili per farli uscire dalle città, dove donne, bambini e anziani stanno al freddo, al buio. Putin attacca i civili perché non può vincere contro il nostro esercito e attacca così i civili". Così la vicepremier ucraina Iryna Vereshchuck, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

ORE 21.15 - "Porgo le mie sincere condoglianze alla famiglia di Brent Renault, morto documentando la spietatezza e il male causato al popolo ucraino dalla Russia". E' quanto scrive il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy in una lettera indirizzata alla famiglia del giornalista, Brent Renaud e pubblicata su twitter. "Siamo grati a Brent per la sua professionalità e per il suo impegno nei valori quali la compassione, l'etica e la giustizia. Possano la vita, il suo servizio e il sacrificio di Brent ispirare generazioni di persone in tutto il mondo a combattere per le forze della luce contro le forze delle tenebre", si legge nella lettera di Zelensky.

ORE 21.12 - "Il corridoio umanitario per Mariupol non ha funzionato perché la Russia non ha rispettato gli accordi e i cittadini adesso si trovano senza luce, senza riscaldamento, in una trappola". Così la vicepremier ucraina Iryna Vereshchuck, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

ORE 21.12 - "Non vediamo in questo momento nessun segnale che il presidente Putin stia fermando l'attacco ed avviando la de-escalation". E' quanto ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, sottolineando che gli Stati Uniti continuano a sostenere "la partecipazione degli ucraini ai negoziati" con i russi. E che continuano a fornire a Kiev "gli aiuti militari che crediamo rafforzino la loro posizione in questi colloqui".

ore 21.07 - "E' ancora in prigione il sindaco di Melitopol, Ivan Fedorov. Non si conosce la sorte del sindaco di Dniprorudne, Yevghen Matveev ed è stato rapito anche il capo del Consiglio comunale di Melitopol Pryima Serhii. Inoltre i russi stanno trattenendo un soccorritore Oleksii Danchenko nella regione di Kiev. Tutti questi fatti confermano che la federazione russa si comporta come un terrorista. Chiedo alla comunità internazionale di considerare la Russia uno Stato terrorista". Ad affermarlo è il ministro per la reintegrazione dei territori occupati, Iryna Vereshuk.

ORE 21.06 - "Ci sono una serie di strumenti a nostra disposizione, in coordinamento con i nostri alleati". Così la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, ha risposto ai giornalisti che, durante il briefing, le facevano domande sul tipo di conseguenze ci potranno essere per la Cina in caso di aiuti alla Russia, sottolineando che la Cina "deve fare una scelta" e ricordando che i "Paesi del G7 rappresentano oltre il 50% dell'economia mondiale".

ORE 20.58 - Sette corridoi umanitari hanno funzionato invece di 10. Quasi 4000 mila persone sono state evacuate. Lo riferisce l'ufficio della presidenza ucraina. Per quanto riguarda Mariupol, la colonna di aiuti umanitari è rimasta bloccata a Berdyansk ma quasi 150 auto civili sono riuscite a uscire dalla città.

ORE 20.42 - E' stata subito arrestata, e interrogata, l'attivista contro la guerra che è riuscita per qualche secondo a rimanere nell'inquadratura del Tg della sera del Primo canale russo con un cartello contro la guerra. La giovane donna sarebbe una dipendente del canale e la mamma di due figli. Si chiama Marina Ovsyanikova, ha reso noto il canale Telegram Basa. In un video registrato prima della sua azione di protesta, spiega che il padre è ucraino e sollecita proteste contro la guerra. Dice anche di vergognarsi di lavorare per la propagande del Cremlino. "Siamo russi, intelligenti e in grado di pensare. Solo noi abbiamo il potere di fermare questa follia. Non ci possono mettere tutti in prigione", ha detto anche.

ORE 20.30 - Se la Cina fornirà aiuto e sostegno alla Russia nella sua invasione dell'Ucraina ci saranno "significative conseguenze". E' questo il messaggio che il consigliere per la Sicurezza Nazionale ha "comunicato" al responsabile della politica estera del Partito comunista cinese Yang Jiechi nell'incontro che hanno avuto oggi a Roma, secondo quanto ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki.

ORE 19.57 - Gli Stati Uniti "stanno osservando con grande attenzione" se la Cina o altri Paesi "possano fornire ogni tipo di aiuto, che sia materiale, economico, o finanziario alla Russia". Lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato, Ned Price, affermando che "aiuti da qualsiasi parte del mondo sono una grande preoccupazione per noi". Il portavoce non ha voluto rilasciare commenti sulla notizia, riportata per prima dal Financial Times, dei messaggi che il dipartimento di Stato avrebbe inviato a Paesi alleati per avvisarli della disponibilità della Cina ad aiutare Mosca.

ORE 19.45 - Un giornalista di 'Fox News' è stato ferito fuori da Kiev. Ad annunciarlo è lo stesso canale tv all news statunitense. "E' una notizia che odiamo trasmettervi ma a volte accade nel bel mezzo di un conflitto. Un giornalista di 'Fox News' è stato ferito vicino a Kiev", ha spiegato il conduttore John Roberts. "Stiamo lavorando per raccogliere il maggior numero di informazioni. La sicurezza del nostro team resta nostra massima priorità", ha aggiunto.

ORE 19.39 - Il consigliere per la Sicurezza nazionale americano Jake Sullivan ha sollevato con il responsabile della politica estera del Partito comunista cinese Yang Jiechi "una serie di questioni sulle relazioni tra Stati Uniti e Cina, con discussioni sostanziali sulla guerra della Russia contro l'Ucraina". E' quanto si legge in una nota diffusa dalla Casa Bianca al termine del lungo incontro che Sullivan ha avuto con Yang a Roma, nella quale si afferma che i due "hanno sottolineato l'importanza di mantenere aperte le linee di comunicazione tra Stati Uniti e Cina". L'ìncontro di oggi segue quello virtuale del 15 novembre scorso tra il presidente americano Joe Biden ed il presidente cinese Xi Jinping.

ORE 19.36 - Le forze russe hanno ucciso a Vorzel, nella regione di Kiev, il fisico sperimentale e membro dell'Accademia nazionale delle scienze dell'Ucraina, Vasyl Kladko, 65 anni. Lo riferisce 'Ukrainska Pravda' citando l'Accademia Nazionale delle Scienze dell'Ucraina. Kladko era a Vorzel per portare la sua famiglia nella città.

ORE 19.29 - La Russia prevede di limitare le esportazioni di grano, orzo e segale per assicurare adeguate forniture al suo popolo, 'proteggendolo' dall'aumento dei prezzi innescato dalle sanzioni contro la Federazione. Lo ha reso noto la vice portavoce del governo russo, Viktoria Abramchenko, secondo cui i limiti all'export entreranno in vigore da domani fino al 30 giugno e riguarderanno anche il mais. Ci sarà inoltre un bando sull'export di zucchero e zucchero grezzo fino alla fine di agosto. Non saranno interessate dalle limitazioni le 'repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk', in Ucraina, di cui Mosca ha riconosciuto l'indipendenza il mese scorso.

ORE 19.24 - La Russia anticipa altri "attacchi mirati" contro le basi in cui vengono ospitati in Ucraina "mercenari stranieri" come quello di ieri contro la base di Yavoriv, a poca distanza dal confine con la Polonia. "Sappiamo dove si trovano i mercenari stranieri in Ucraina. Continueremo a portare a termine contro di loro attacchi mirati" ha detto il portavoce del ministero della Difesa, Igor Konashenkov. "Diversi Paesi Occidentali stanno promuovendo il coinvolgimento di loro cittadini come mercenari nelle ostilità contro le forze russe in Ucraina", ha aggiunto.

ORE 19.21 - Bielorussia e Russia hanno trovato un accordo con cui vengono ristrutturati i pagamenti sui prestiti concessi da Mosca a Minsk: lo ha annunciato il primo ministro bielorusso Roman Golovchenko dopo i colloqui avuti oggi a Mosca con il suo omologo russo Mikhail Mishustin. L'intesa - che evidentemente agevola Minsk - prevede un rimborso rateale e prevede la conversione dei prestiti da dollari in rubli. "Questo approccio - scrive la Tass - si applicherà a tutti gli accordi fra i due paesi che hanno anche deciso "di smettere di usare il dollaro in tutti le transazioni energetiche".

ORE 19.17 - Vladimir Putin ha "mosso tutto quello che aveva a disposizione" in Ucraina. Lo dicono fonti del Pentagono secondo le quale "il 100% delle forze ammassate sul confine ora sono in Ucraina". Le stesse fonti sottolineano poi, riporta la Cnn, che i russi, che "hanno molti più mezzi a disposizioni e fanno molte più sortite quotidiane" non avrebbero ancora raggiunto "il completo dominio del cielo".

ORE 19.07 - I danni per l'Ucraina dall'inizio dell'invasione russa si attestano a 120 miliardi di dollari. Lo rende noto il ministero dell'Economia ucraina secondo quanto riferisce 'The Kyiv Independent'.

ORE 19.01 - Nel corso del colloquio telefonico con il premier israeliano Naftali Bennett, il presidente russo Vladimir Putin ha denunciato la "barbara azione" compiuta dagli ucraini con il raid su Donetsk, nel quale sono morte 20 persone. Lo ha riferito il Cremlino, precisando che il colloquio è avvenuto su richiesta della parte israeliana.

ORE 18.59 - Il presidente russo Vladimir Putin "fermi la guerra" adesso contro l'Ucraina. Lo ha chiesto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, dopo un incontro ad Ankara con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

ORE 18.46 - "Frattura frammentaria dei due arti inferiori di un giornalista britannico". Lo comunica, con un post su Facebook Iryna Venediktova, consulente legale del premier ucraino Volodymyr Zelensky. "Attualmente il giornalista è in terapia intensiva sotto controllo medico. La tragedia è accaduta due ore fa".

ORE 18.37 - Nuovo colloquio telefonico tra il premier israeliano Natftali Bennett ed il presidente russo Vladimir Putin per discutere della situazione in Ucraina. Lo riferiscono fonti giornalistiche israeliane.

ORE 18.30 - Si è concluso a Roma, al Cavalieri Waldorf Astoria, il colloquio iniziato in tarda mattinata tra il consigliere per la sicurezza nazionale americano Jake Sullivan e il responsabile per la politica estera del Partito comunista cinese Yang Jiechi.

ORE 18.23 - "Le società straniere che hanno lasciato il mercato russo se ne pentiranno". A sostenerlo, secondo quanto riferisce l'agenzia russa 'Tass', è il primo ministro della Bielorussia, Roman Golovchenko.

ORE 18.15 - Gli Stati Uniti hanno detto agli alleati che la Cina avrebbe indicato la propria disponibilità ad assistere militarmente la Russia per sostenere l'invasione dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times, citando fonti informate dei messaggi americani agli alleati. Nei messaggi diplomatici inviati dal dipartimento di Stato agli alleati in Europa ed Asia - riporta ancora Ft - non si specifica se la Cina abbia segnalato se aiuterà la Russia in futuro o abbia già iniziato ad fornire aiuto militare. E non si indica neanche a che punto del conflitto Pechino abbia offerto a Mosca il proprio aiuto.

ORE 18.10 - "Abbiamo ricevuto tutti la lettera dell’associazione e so che qualcuno del gruppo ci stava pensando". Così la presidente dei deputati Pd, Debora Serracchiani, risponde all'Adnkronos in merito alla missione umanitaria organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XIII in Ucraina su cui è intervenuta la Farnesina sconsigliando ai parlamentari di prendere parte all'iniziativa.

Presidente, viste le raccomandazioni della Farnesina, ritiene di sconsigliare ai parlamentari del suo gruppo di aderire al momento alla missione? "Sì, l'ho già fatto". E sullo scopo della iniziativa, in particolare raggiungere un gruppo di trenta bambini orfani per evacuarli, Serracchiani spiega che c'è l'impegno della Farnesina che ha promesso di "fare direttamente da tramite con l'associazione per aiutare bambini oggetto della lettera".

ORE 18.08 - "Le società straniere che hanno lasciato il mercato russo se ne pentiranno". A sostenerlo, secondo quanto riferisce l'agenzia russa 'Tass', è il primo ministro della Bielorussia, Roman Golovchenko.

ORE 18.07 - Gli Stati Uniti hanno detto agli alleati che la Cina avrebbe indicato la propria disponibilità ad assistere militarmente la Russia per sostenere l'invasione dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times, citando fonti informate dei messaggi americani agli alleati.

ORE 17.37 - L'Iran è contro la guerra in Ucraina e sostiene una soluzione di pace, ha reso noto il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, dopo aver parlato con la controparte iraniana, Hossein Amirabdollahian, che domani sarà in visita a Mosca. Kuleba ha chiesto ad Amirabdollahian di portare ai russi il suo messaggio, vale a dire, "la Russia deve smettere di bombardare i civili, impegnarsi per un cessate il fuoco e ritirarsi dall'Ucraina".

ORE 17.36 - Nel porto di Berdyansk, città portuale occupata a sud dell'Ucraina, tra Melitopl e Mariupol, stanno arrivando le navi russe. Lo riferisce un giornale locale ucraino.

ORE 17.35 - L'Ucraina ha invitato l'Onu, il Comitato internazionale della Croce Rossa e l'Osce a istituire un gruppo speciale di osservatori internazionali, per monitorare la sicurezza della fornitura di aiuti umanitari alle regioni colpite dell'Ucraina in base ad accordi precedentemente raggiunti con la Russia. Lo riporta l'agenzia di notizie Interfax.

"Anche il fatto che i convogli si muovano sotto il patronato della Croce Rossa non impedisce all'esercito russo di bombardare. Chiediamo ancora una volta alle organizzazioni internazionali di monitorare la situazione, facilitare il dialogo con la Russia e contrastare la manipolazione e la terribile propaganda della Federazione Russa", ha affermato Olga Stefanishina, vice premier per l’integrazione europea ed euroatlantica.

ORE 17.33 - Circa 600 case, 50 scuole e strutture mediche sono state distrutte a Kharkiv. Un palazzo storico, con architettura monumentale su Svobody Street è stato distrutto da uno dei bombardamenti. Almeno due persone hanno perso la vita. Lo riferisce il consiglio comunale di Kharkiv.

ORE 17.31 - I corridoi umanitari in Ucraina “funzionano ma non in tutte le località dove ci sarebbe bisogno. Sicuramente non è ancora sufficiente. Penso a Mariupol, è una città molto grande: ora, più di 160 automobili erano in partenza per la città ma è una goccia, ne serviranno altri”. Lo sottolinea all’Adnkronos il nunzio apostolico a Kiev, mons. Visvaldas Koulbokas ricordando che oggi “nei colloqui bilaterali si è discusso soprattutto sulle metodologie per assicurare i corridoi umanitari”.

La nunziatura a Kiev, sul fronte aiuti umanitari, continua a ricevere segnalazioni dei casi più difficili, in particolare modo sul versante dei bambini negli orfanotrofi, al buio e al gelo: “Coi superiori della Santa Sede - spiega il nunzio - abbiamo fatto segnalazioni alla Federazione Russa ricevendo qualche risposta però bisognerà continuare a lavorare sui questo aspetto: è urgente”.

Oltre alla situazione degli aiuti umanitari, in nunziatura, come riferisce mons. Koulbokas, si cerca di “sentire il polso per capire quale può essere il ruolo della Santa Sede e delle Chiese in generale. In Ucraina c’è una grande unione di intenti tra le varie chiese ed è una buona direttrice perché così si è più forti. Bisogna spingere in questa direzione”.

ORE 17.30 - "La Turchia continuerà i suoi sforzi risoluti per un cessate il fuoco permanente tra Russia ed Ucraina". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo il suo incontro ad Ankara con il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

ORE 17.27 - Le delegazioni ucraine e russe riprenderanno i negoziati in video conferenza domani alle 10.30 ora di Kiev. Lo riferisce il consigliere del ministro dell'interno, Anton Gerashchenko citando il membro della delegazione David Arakhamia.

ORE 17.26 - I russi stanno imponendo un regime di terrore e censura nei territori occupati in Ucraina. "A Berdyansk le forze russe stanno intimidendo i giornalisti". Secondo l'Amministrazione regionale di Zaporizhia, gli occupanti hanno trascritto gli indirizzi dei giornalisti e dei loro parenti a Berdyansk. E li hanno forzati a lavorare per la propaganda russa. Minacciano i loro bambini, genitori, e mogli. Stanno tentando di imporre un regime intimidatorio tipicamente russo e di deprivare le città conquistate della libertà di parola.

ORE 17.25 - "Con il cancelliere tedesco abbiamo convenuto sulla necessità di aumentare gli sforzi diplomatici per una soluzione in Ucraina mentre si prendono misure per la sicurezza europea". Lo ha detto presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo il suo incontro oggi ad Ankara con il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

ORE 17.23 - "Vogliamo esercitare la massima pressione su Vladimir Putin. Vogliamo isolare la Russia politicamente, economicamente e finanziariamente". Lo dice il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner, a margine dell'Eurogruppo a Bruxelles.

ORE 17.19 - Nelle città di Nikolaev e di Cherniv è appena scattato l'allarme aereo, con l'esortazione ai cittadini a recarsi immediatamente nei rifugi. Lo comunica il sito informativo ucraino Ucraine Now.

ORE 17.17 - Il presidente russo Vladimir Putin "fermi la guerra" adesso contro l'Ucraina. Lo ha chiesto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, dopo un incontro ad Ankara con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

ORE 17.16 - L'Ue sta approvando una nuova raffica di sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina che allungherà la lista dei soggetti colpiti per includere più oligarchi vicini al presidente Vladimir Putin, tra i quali il noto imprenditore Roman Abramovich, secondo quanto ha appreso EuropaPress da fonti europee. Le misure verranno approvate questa sera, quando terminerà la procedura scritta.

Le sanzioni europee per l'invasione dell'Ucraina colpiscono già 862 persone e 53 società, Putin incluso, e da questo pomeriggio Abramovich non potrà entrare nell'Ue e si vedrà congelare gli asset detenuti nell'Unione. L'Ue punta anche ad isolare commercialmente Mosca: altre restrizioni comprendono il ritiro dei benefici di cui gode in ambito Wto, oltre alla sospensione del Paese dal Fmi e dalla Banca Mondiale.

ORE 17.15 - "L'Ucraina è in fiamme e viene decimata davanti agli occhi del mondo. Questa tragedia deve finire. Abbiamo bisogno di una cessazione immediata delle ostilità e di negoziati seri basati sui principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale". Lo ha dichiarato in un tweet in segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres.

ORE 17.14 - 148 civili sono stati evacuati da Vugledar e Avdiivka, bombardate dai missili russi. In particolare sono stati salvati ad Avdiivka 99 persone, inclusi 35 bambini; da Vuhledar, 49 residenti, tra questi 7 bambini. Le misure di evacuazione proseguono.

ORE 17.13 - Il premier ucraino Denys Shmyhal ha esortato il Consiglio d'Europa a espellere la Russia dall'organizzazione. In un discorso in video collegamento con l'assemblea parlamentare del Consiglio, Smyhal ha detto: "Il diritto alla vita è uno dei diritti fondamentali e oggi al centro dell'Europa questo diritto viene violato ogni minuto e ogni secondo".

Per questo l'Ucraina ha chiesto che la Russia, già sospesa dall'organizzazione, sia espulsa dal Consiglio d'Europa, perché non può stare "in questa famiglia europea in cui la vita umana è il valore più alto".

La Russia aveva annunciato la settimana scorsa che avrebbe lasciato il Consiglio, dopo essere stata privata del diritto di voto, ma nessun Paese è stato mai espulso.

Shmyhal è tornato inoltre a chiedere l'imposizione di una No Fly Zone, un passo "della massima importanza". Dopo aver incontrato i Premier di Polonia, Mateusz Morawiecki e della Lituania, Ingrida Simonyte, ha sottolineato che tale misura "salverebbe migliaia di vite umane".

ORE 17.08 - "Nessun Paese, come l'Ucraina, ha pagato un prezzo così alto per il suo desiderio di far parte della famiglia europea. Pertanto, riteniamo che l'Ucraina si sia guadagnata lo status di paese candidato". Lo afferma il premier del governo della Lituania, Ingrida Simonyte. "E' nostro obbligo morale nei confronti del popolo ucraino", ha aggiunto il premier.

ORE 17.05 - Le forze ucraine hanno sequestrato alle forze russe una stazione radar mobile e un centro di comunicazione dai russi. Lo riferisce 'Ukrainska Pravda' che cita le forze armate ucraine. "Ora seguiremo il nemico a una distanza di 150 km", sottolineano.

ORE 17.02 - "I russi si comportano come terroristi, bombardano le scuole, gli asili, gli ospedali. Uccidono i bambini, prendono in ostaggio". Lo ha denunciato il premier ucraino Denys Shmyhal in un intervento davanti al Consiglio d'Europa, affermando che il mondo "ha finalmente aperto gli occhi" sulle reali intenzioni di Vladimir Putin. "Torturano i civili, rapiscono i rappresentanti delle amministrazioni locali", ha accusato ancora.

ORE 17.01 - E' ancora in corso a Roma, al Cavalieri Waldorf Astoria, il colloquio tra il consigliere per la Sicurezza nazionale americano, Jake Sullivan, ed il responsabile del Partito comunista cinese, Yang Jiechi. L'incontro, iniziato in tarda mattina, era stato sospeso nel primo pomeriggio per una pausa durata circa un'ora e mezza.

ORE 17 - Dopo un 2021 che si era chiuso con un positivo +3,2% il Pil reale dell'Ucraina - a causa del conflitto - quest'anno dovrebbe diminuire del 10%: è la stima fornita dal Fondo Monetario Internazionale che però segnala come "data la fluidità degli sviluppi questa proiezione di crescita a breve termine dovrebbe essere considerata preliminare e soggetta a un'incertezza insolitamente ampia". Infatti, visti i forti rischi al ribasso, se il conflitto dovesse prolungarsi e andare a toccare pesantemente le basi produttive e l'export di Kiev, il calo del Pil nel 2022 potrebbe addirittura toccare il 35%, nel caso si dovessero ripetere gli impatti negativi registrati in altri conflitti come quelli in Iraq, in Siria o in Yemen.

Il Fondo stima - sempre in caso di conflitto non prolungato - un avvio di ripresa nel 2023-24 ma comunque visti "i gravi danni ai mezzi di sussistenza, alle imprese e alle infrastrutture, servirebbero sforzi notevoli per riacquistare il potenziale di crescita prebellico"

Fra le altre indicazioni fornite dal Fondo, è attesa un'ulteriore svalutazione della moneta ucraina mentre è previsto un livello di inflazione elevata più a lungo del previsto: per quest'anno il dato dovrebbe assestarsi a doppia cifra, mentre il deficit primario dei conti pubblici si amplierà al 3,1%.

ORE 16.49 - "Stiamo lavorando senza sosta per costringere la Russia a fermare la guerra attraverso sanzioni che saranno sempre più insostenibili per Mosca". Lo ha dichiarato a proposito della crisi ucraina il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso di un punto stampa a Bucarest con il suo omologo rumeno, Bogdan Lucian Aurescu.

ORE 16.41 - Più di 1700 persone sono state evacuate nella regione di Lugansk. Lo riporta il sito di news ucraino Suspilne News. Uno dei treni, secondo quanto riporta il canale informativo ucraino, è stato preso di mira ed è rimasta uccisa un'addetta delle ferrovie secondo quanto comunicato, come scrive Suspilne, dal governatore dell'amministrazione militare di Lugansk Gaidai.

ORE 16.35 - Le autorità ucraine diffondono cifre relative alle presunte perdite subite dalla Russia dal 24 febbraio ad oggi alle 6 del mattino è la seguente: Arei 77; elicotteri, 90; corazzate 1249; carri armati 389; sistemi di artiglieria, 150; sistemi di difesa aerea, 34; lanciarazzi Mlrs 64; veicoli 617; serbatoi di carburante, 60; Uav (aeromobili a pilotaggio remoto) di livello operativo e tattico, 8; navi, 3; personale oltre 12mila. I dati non sono definitivi per l'intensità delle azioni di combattimento.

ORE 16.27 - "A poche centinaia di chilometri da qui, stiamo assistendo a una catastrofe umanitaria, con migliaia di morti e ad oggi oltre 2,8 milioni di rifugiati". Lo ha dichiarato a proposito della crisi ucraina il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso di un punto stampa a Bucarest con il suo omologo rumeno, Bogdan Lucian Aurescu.

ORE 16.19 - L'Ucraina nega di aver lanciato un missile contro Donetsk, la città controllata dai separatisti e di essere responsabile, secondo la Russia, della morte di 20 civili e 28 feriti. "È inconfondibilmente un missile russo, non ha nemmeno senso parlarne", ha spiegato il portavoce militare ucraino Leonid Matyukhin in un briefing televisivo secondo quanto riferisce il canale all news 'Sky news'.

I separatisti filo-russi che controllano parte della regione ucraina di Donetsk avevano affermato in precedenza che un bambino era tra le vittime del presunto attacco. Un attacco che sarebbe stato fatto dalle forze ucraine.

L'Ucraina ha negato l'intenzione di voler riconquistare con la forza le città orientali di Donetsk e Luhansk, sotto il controllo delle forze sostenute dalla Russia dal 2014.

ORE 16.16 - Il "mio amico turco" Mevlut Cavusoglu "mi ha informato sugli sforzi in corso della Turchia per mettere fine alla guerra della Russia contro l'Ucraina". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, annunciando di aver avuto un colloquio con il suo omologo turco. "Abbiamo concordato di continuare a coordinare i nostri passi per ristabilire la pace in Ucraina. Grato alla Turchia per la sua solidarietà in questo momento difficile", ha aggiunto Kuleba su Twitter.

ORE 16.14 - Il consiglio comunale di Mariupol non garantisce la sicurezza delle persone transitanti dal corridoio umanitario aperto stamane. Il corridoio, precisa il Consiglio, è accessibile solo in autovettura privata. Il transito non è consentito ai bus. Alle 3 del pomeriggio sono uscite da Mariupol 160 automobili che hanno passato Berdyansk.

ORE 16.12 - Quella a cui stiamo assistendo in Ucraina è "un'aggressione brutale e violenta... Come ci ricorda Dante, 'fatti non foste a viver come bruti'. Ecco perché dobbiamo rivendicare il primato della giustizia, delle soluzioni politiche accompagnate dallo strumento immarcescibile della diplomazia". Lo ha detto il leader M5S Giuseppe Conte, intervenendo nel corso di un evento in memoria di Niccolò Ciatti. "Dobbiamo sempre fare in modo che la forza della ragione si possa affermare sul sonno di menti ottenebrate dalla brutale violenza", ha proseguito l'ex premier.

ORE 16.11 - "Con 2.560 civili morti e dopo 100 attacchi aerei, la nostra città è diventata il simbolo del martirio di questa guerra. Da qui non si può uscire. Abbiamo bisogno di ogni tipo di aiuto". Lo ha detto il vicesindaco di Mariupol, Sergiy Orlov, in un confronto via zoom con il sindaco di Firenze, nella sua veste di presidente di Eurocities. E' stato "un confronto drammatico", ha commentato Nardella.

"Le città dell'est Europa sono le più esposte all'emergenza umanitaria - ha commentato tra l'altro Nardella - Eurocities garantisce ogni supporto per creare una rete europea di solidarietà di tutte le città europee per accogliere i rifugiati ucraini".

ORE 16.10 - A Dergachi, nella regione di Kharkiv, i russi avrebbero bombardato un'abitazione privata, provocando la morte di una ragazza di 15 anni. Lo riferisce il canale informativo Ucraine Now, spiegando che la giovane si era spostata in un'altra stanza della casa per recuperare dei giocattoli per i bambini più piccoli presenti nell'abitazione. Secondo quanto riferisce il sito di news ucraino, i genitori della ragazza e due bambini che erano in casa sarebbero rimasti illesi.

ORE 16.09 - "Bisogna stare tranquilli, andare avanti con sanzioni economiche fortissime, agevolare il lavoro dell'intelligence e il supporto agli ucraini, ma non fare una escalation della guerra". Lo ha detto Carlo Calenda a Oggi è un altro giorno, su Raiuno.

"Se facessimo la no fly zone ci sarebbe un incidente immediatamente. Le sanzioni depotenziano l'azione di Putin, fanno sorgere contrasti interni ma questa è una monarchia assoluta, non esistono contrappesi, andiamo con i piedi di piombo. Siamo davanti a una persona che se perde il controllo di se stesso può provocare danni immensi. Non possiamo entrare in guerra diretta con la Russia, ha i missili nucleari", ha spiegato il leader di Azione.

ORE 16.05 - Elon Musk, fondatore e ceo di Tesla, ha sfidato il presidente russo, Vladimir Putin, "a duello", aggiungendo che la posta in gioco è "l'Ucraina". La curiosa proposta è stata avanzata dal miliardario con un tweet in cui le parole 'Vladimir Putin' sono state scritte in russo. "Con la presente sfido Vladimir Putin a duello", scrive Musk aggiungendo poi in un altro tweet, riferito sempre al leader russo: "sei d'accordo con questa lotta?".

ORE 16.02 - Con lo stop a Instragram e degli altri social network statunitensi da parte delle autorità russe, i russi sono alla ricerca di alternative. In pole position ci sarebbero i social nazionali soprattutto VKontakte e Telegram.

Il 38% degli intervistati russi (oltre 500 tra il 10 e l'11 marzo) secondo Twiga Communication Group, riferisce l'agenzia russa 'Tass', starebbe puntando su VKontakte, il social network russo fondato dal Pavel Durov nel 2006. Con le restrizioni a Youtube e con le limitazioni decise da TikTok le altre alternative più gettonate dai russi sarebbero i social russi Yandex.Zen e Rutube.

Anche il direttore esecutivo dell'agenzia di comunicazione All Star Media Viktor Ustenko ritiene che il 40% degli utenti sceglierà VKontakte mentre un altro 40% sceglierà Telegram, il servizio di messaggistica istantanea fondato nel 2013 sempre da Pavel Durov. Il restante 20% è distribuito in egual misura tra Yandex.Zen e Odnoklassniki.

ORE 15.59 - "In Polonia ho incontrato il primo ministro canadese Justin Trudeau per discutere la nostra risposta unita all'invasione russa dell'Ucraina. La nostra risposta coordinata, dalle sanzioni ad altre misure economiche, è radicata nel nostro impegno comune a sostenere il popolo ucraino". Lo ha scritto su Twitter il vice presidente degli Stati Uniti, Kamala Harris.

ORE 1553 - "Gli orchi stanno cercando di distruggere la nostra città e uccidere la gente pacifica di Kiev. Una persona è stata uccisa e sei sono rimaste ferite". Lo ha reso noto il sindaco Vitalij Klyčko, postando sul suo canale Telegram un video delle conseguenze dei bombardamenti.

ORE 15.47 - Le truppe russe hanno fatto esplodere parte delle munizioni nel sito della centrale nucleare di Zaporizhzhya. Lo rende noto l'azienda Energoatom sul suo canale Telegram. Secondo quanto si legge, il personale ha lasciato il lavoro durante le esplosioni. Il ministro dell'Energia, Herman Galushchenko ha poi affermato che durante il bombardamento della centrale nucleare del 4 marzo scorso, che ha causato un incendio nel centro di addestramento, sono rimaste molte mine inesplose: una enorme minaccia per la sicurezza nucleare

ORE 15.36 - "Kiev. Una delle città più belle dell'Ue oggi sembra un frame di un film sull'apocalisse". Lo scrive su Twitter il ministro ucraino della Difesa, Oleksii Reznikov, mostrando una sua foto scattata nel centro di Kiev con alle spalle dei sacchi di sabbia.

ORE 15.31 - "Voglio rivolgermi ai cittadini del mio Paese a chi ha figli in età di leva: non lasciate venire i vostri figli qui, qui succedono cose brutte, i nostri soldati muoiono senza un motivo e questa guerra non ha alcun senso". Lo ha detto in una conferenza stampa organizzata dall'Ukraine Media Center Mykola Valentinovych, un giovane soldato russo, ferito nel conflitto e poi fatto prigioniero.

ORE 15.26 - "Gli occupanti russi continuano ad accumulare riserve sul loro territorio per muovere guerra all'Ucraina". Lo scrive la Unian (Agenzia ucraina indipendente di notizie) che cita lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina, secondo cui "si stanno formando distaccamenti di mercenari siriani pronti a eseguire a pagamento gli ordini criminali dei comandanti russi. Secondo le informazioni disponibili, in Siria sono stati aperti centri di reclutamento mercenari, dove sono state reclutate più di mille persone negli ultimi giorni, circa 400 persone sono già arrivate nella Federazione Russa. Vicino al confine ucraino nelle regioni di Rostov (Russia) e Gomel (Bielorussia), sono stati attrezzati campi per il loro alloggio e addestramento".

ORE 15.19 - "Pausa tecnica dei negoziati" tra Russia e Ucraina "fino a domani. Vanno avanti i lavori nei gruppi lavoro. Le trattative continuano". Ad affermarlo in un tweet è il consigliere della presidenza ucraina, Mykhailo Podolyak.

ORE 15.14 - Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky interverrà mercoledì in videoconferenza con il Congresso degli Stati Uniti. Lo hanno annunciato la speaker della Camera Nancy Pelosi ed il leader della maggioranza repubblicana al Senato Chuck Schumer.

ORE 15.06 - A Energodar, nell'Ucraina sud orientale, i russi hanno danneggiato con un mezzo corazzato il monumento dedicato ai partecipanti all'Ato, l'operazione anti-terrorismo, hanno demolito e bruciato il pennone con la bandiera Oun, Organizzazione nazionalisti ucraini. La bandiera dell'Ucraina è sopravvissuta. Questo si legge sul canale ufficiale telegram di Energoatom.

ORE 14.58 - L'ufficio investigativo statale dell'Ucraina ha inserito il giornalista russo, Vladimir Solovyov, nell'elenco internazionale delle persone più ricercate. E' quanto si apprende da media ucraini. L'uomo, presentatore di un programma di punta della tv russa, è considerato da più fonti vicino a Putin.

ORE 14.51 - Non ci sono stranieri tra le 35 persone rimaste uccise nell'attacco lanciato ieri dalla Russia contro la base miliare ucraina di Yavoriv, nella regione di Leopoli, non lontano dal confine con la Polonia. Lo ha riferito il governatore della regione di Leopoli, Maksym Kozytskyi, citato dalla Bbc.


Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza