cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Hagupit colpisce le Filippine, almeno quattro morti. In milioni senza luce

07 dicembre 2014 | 10.08
LETTURA: 3 minuti

'Impatto' del tifone alle due del mattino. Le vittime sono un uomo di 65 anni e una bimba di un anno, morti per ipotermia, una 35enne deceduta per complicazioni durante un parto, mentre la quarta vittima è una 75enne annegata a Catarman. Oltre un milione di persone ha abbandonato le proprie case. Venti a 140 chilometri orari, con raffiche fino a 170 km all'ora. Un anno fa il dramma provocato dall'uragano Haiyan (FOTO)

alternate text
(Xinhua)

Almeno quattro morti e milioni di persone lasciate al buio. E' il primo bilancio provocato dal tifone Hagupit che, alle due del mattino di domenica, ha colpito le Filippine. Le vittime sono un uomo di 65 anni e una bimba di un anno, morti per ipotermia nella provincia di Masbate, una donna di 35 anni deceduta per complicazioni durante un parto in casa, nella vicina provincia di Iloilo; mentre la quarta vittima è una donna di 75 anni annegata a Catarman, nella provincia settentrionale di Samar.

Secondo quanto riportato dall'ufficio meteorologico, i venti del tifone hanno raggiunto i 140 chilometri orari, con raffiche fino a 170 km all'ora. Saltata l'energia elettrica in moltissime abitazioni, con molte altre case che sono state distrutte dalla violenza del tifone.

Sabato sera sono stati segnalati, inoltre, due feriti nella città costiera di Dolores, provincia orientale di Samar; mentre nella vicina provincia di Negros altre due persone sono rimaste ferite dopo essere state colpite da un albero caduto.

Finora sono più di un milione le persone che hanno abbandonato le loro case per cercare rifugio in chiese, scuole e palestre pubbliche, secondo quanto hanno riferito funzionari locali. Altre migliaia sono rimaste bloccate per la sospensione dei voli; anche per lunedì sono annunciate più di 100 cancellazioni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza