cerca CERCA
Martedì 13 Aprile 2021
Aggiornato: 23:44
Temi caldi

Hans Kung morto a 93 anni, addio al teologo svizzero

06 aprile 2021 | 18.58
LETTURA: 1 minuti

Si è spento nella sua casa di Tubinga

alternate text
Foto Fotogramma

E’ morto all'età di 93 anni Hans Kung, uno dei teologi più rinomati al mondo e fondatore della Global Ethic Foundation. Kung si è spento nella sua casa di Tubinga. Gli svizzeri, che hanno insegnato a Tubinga dal 1960 al 1996, hanno svolto un ruolo chiave nella formazione della Chiesa cattolica e i libri del teologo sono diventati dei bestseller. Negli ultimi 30 anni, ricorda Katholisch.de, Kung è stato particolarmente impegnato nel dialogo tra le religioni del mondo, in particolare nel 'Global Ethic Project'. Kung aveva pubblicato il libro 'Project Global Ethic' nel 1990, basato sulla filosofia di Kant, e in esso ha perseguito la questione dei valori che uniscono tutte le persone e tutte le religioni. Kung ha ricevuto molti premi, tra cui oltre una dozzina di dottorati onorari.

Nato a Sursee il 19 marzo 1928, Kung, oltre ad essersi dedicato allo studio della storia delle religioni, in particolare quelle abramitiche, era noto internazionalmente soprattutto per le sue posizioni in campo teologico e morale, spesso critiche verso la dottrina della Chiesa cattolica. Noto soprattutto per il rifiuto del dogma dell'infallibilità papale, nel 1979 era stato costretto a lasciare la facoltà cattolica e aveva continuato a lavorare come professore emerito di teologia ecumenica all'Università di Tubinga.

A dare la notizia della morte su Twitter la Fondazione Weltethos da lui fondata: "Il Global Ethic Institute piange la perdita del suo ispiratore e fondatore, Hans Kung. Ma il suo lavoro continuerà. È un onore per noi e resta nostro mandato continuare le idee e l'impegno di Hans Kung per i valori, la responsabilità globale e il dialogo", si legge nel tweet della Fondazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza