cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 10:44
Temi caldi

Comunicato stampa

I consigli di Kaspersky Lab per proteggere le vite digitali dei più giovani

09 febbraio 2015 | 11.20
LETTURA: 5 minuti

alternate text

In occasione del Safer Internet Day, la giornata internazionale creata da Insafe per promuovere un utilizzo più sicuro e responsabile del web, Kaspersky Lab Italia partecipa all'evento organizzato da Telefono Azzurro, di cui è partner tecnico da sei anni. Il motto della giornata è "Let's create a better Internet together" e si tratta di un'occasione per discutere della sicurezza in rete, delle norme vigenti e del ruolo delle aziende per la sicurezza informatica.

Kaspersky Lab ha più volte posto l’attenzione verso i molteplici pericoli che i bambini possono incontrare navigando in rete. Uno dei più comuni è quello del cyberbullismo, cioè il tentativo di umiliare o sottomettere la vittima, mandando messaggi molesti, pubblicando informazioni false o riservate, foto e video indesiderati. Un ulteriore pericolo è costituito dal grooming, ovvero l’adescamento online da parte di adulti con lo scopo di ottenere immagini del minore. Ma i pericoli non vengono solo dall’esterno, infatti una pericolosa abitudine sempre più comune tra i giovani e gli adolescenti è quella di inviare messaggi o fotografie sessualmente espliciti, per esibizionismo o semplicemente per dimostrare interesse o coinvolgimento.

Il compito di supervisione dei genitori è complicato dal diffuso utilizzo di dispositivi mobile connessi a Internet come smartphone e tablet, ma alcune semplici mosse possono facilitare la protezione dei più piccoli:

- Imparare a utilizzare il computer e navigare insieme ai bambini, affinché si abituino a usare Internet in compagnia e apprendano comportamenti adeguati.

- Favorire il dialogo sulle abitudini di navigazione e sui relativi rischi e invitare i bambini a condividere ciò che accade loro online, anche se strano o imbarazzante.

- Dare chiare regole di utilizzo, specialmente per quanto riguarda il tempo che possono passare online, e chiarire le conseguenze di una trasgressione.

- Spiegare il significato di privacy e perché non devono condividere le informazioni sensibili, anche adducendo esempi di vita quotidiana (“non daresti mai le chiavi di casa a uno sconosciuto”); insegnare a impostare i filtri per la privacy sui social network.

- Illustrare ai propri figli quali possono essere i pericoli della rete nel modo più esaustivo possibile, insegnar loro a non rispondere a email minatorie e a rispettare tutti i membri della community.

- Usare un unico computer e posizionarlo in un angolo visibile della casa, in modo da facilitare il monitoraggio della navigazione.

- Usare filtri per il controllo di accesso alla rete per impedire l’accesso a siti dal contenuto inappropriato.

- Tenere in considerazione le funzionalità dei cellulari, come l’accesso a Internet e la fotocamera, e fissare delle regole per il loro utilizzo; sarebbe meglio tenere tutti i cellulari in una stanza comune, soprattutto per evitare che i bambini li usino di notte, quando sono meno controllati.

- Dimostrare interesse per le vite dei propri figli e prestare attenzione a campanelli d’allarme come lo scarso desiderio di andare a scuola, l’essere particolarmente introverso, lo stress, la mancanza d’appetito, gli incubi notturni, l’irritabilità e il rifiuto di parlare di cosa li affligga.

"Sono sempre più piccoli i bambini che oggi accedono a Internet e usano dispositivi mobile per giocare, comunicare e condividere contenuti. Fin dalla scuola elementare vengono abituati a usare computer e tablet per aiutarsi nello studio, ma è necessario che i genitori spieghino ai figli come comportarsi online e controllino quali siti vengano visitati", ha commentato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia. "È consigliabile che i genitori installino software di parental control in quanto i bambini spesso utilizzano dispositivi connessi a Internet chiusi nelle loro stanze o fuori casa, dove è difficile controllarli".

La soluzione Kaspersky Total Security - Multi Device, così come gli altri prodotti di Kaspersky Lab, include il modulo di Parental Control che aiuta i genitori a proteggere i propri figli quando sono online, stabilendo delle restrizioni per l’accesso al PC, alle applicazioni, ai giochi, agli IM e social network, anche quando i genitori non sono fisicamente accanto ai propri bambini. Le impostazioni del programma possono essere personalizzate dall’utente (in questo caso l’adulto) in base all’età del bambino, selezionando le applicazioni e il tipo di contenuti a cui consentire l’accesso.

Informazioni su Kaspersky Lab
Kaspersky Lab è la più grande azienda privata del mondo che produce e commercializza soluzioni di sicurezza per gli endpoint. L’azienda si posiziona tra i primi quattro vendor al mondo in questo mercato*. Nel corso dei suoi 17 anni di storia, Kaspersky Lab è stata un pioniere nella sicurezza IT, offrendo al mercato soluzioni di sicurezza IT per la protezione di utenti finali, Piccole e Medie Imprese e grandi aziende. Kaspersky Lab, la cui holding è registrata in Gran Bretagna, opera in 200 paesi e protegge oltre 400 milioni di clienti in tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni: www.kaspersky.com/it.

* L’azienda si è posizionata al quarto posto nel, 2013 di IDC. La classifica è stata pubblicata nel report IDC Worldwide Endpoint Security 2014-2018 Forecast and 2013 Vendor Shares (IDC #250210, Agosto 2014).). Il report ha classificato i vendor software in base al fatturato derivante dalle vendite di soluzioni di sicurezza endpoint nel 2013.

Sala Stampa di Kaspersky Lab: http://newsroom.kaspersky.eu/it/

Seguici su:

twitter: https://twitter.com/KasperskyLabIT

facebook: http://www.facebook.com/kasperskylabitalia

google plus: https://plus.google.com/u/0/b/110369116315123340458/110369116315123340458/posts

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza