cerca CERCA
Mercoledì 19 Maggio 2021
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

Cinema

I 'primi' 50 anni di Salma Hayek, sex symbol con l'orgoglio latino

31 agosto 2016 | 17.27
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Salma Hayek (Xinhua)

Orgogliosa di essere latina, determinata a diventare una star di successo fin da giovanissima, sex symbol indiscussa, Salma Hayek si prepara a spegnere 50 candeline il prossimo 2 settembre. E' certamente soddisfatta Hayek, che dalla città natale di Coatzacoalcos, uno dei più importanti porti del Messico meridionale, ha conquistato Hollywood da attrice e produttrice e ha sposato nel 2009 il miliardario francese François-Henri Pinault, dal quale aveva avuto due anni prima la figlia Valentina.

Volto di 'Frida Khalo' e di molti altri film importanti, tra i quali 'Il racconto dei racconti' di Matteo Garrone, Hayek è nata nel 1966 da una famiglia borghese benestante, con il padre uomo d'affari di origini libanesi e la madre cantante lirica. Il primo successo in Messico nel 1989, dopo avere lasciato la scuola per seguire i corsi di recitazione, nella soap opera televisiva 'Teresa'.

Un successo che però a Salma Hayek non basta. Lei punta a Hollywood e vuole diventare il simbolo del Messico nella città del cinema. Quindi lascia tutto, va negli Usa dove studia recitazione e, dopo alcuni ruoli televisivi, arriva il debutto hollywoodiano con 'My Crazy Life' del '93. Ma dovrà aspettare ancora due anni per la consacrazione internazionale in 'Desperado', il suo primo grande ruolo accanto ad Antonio Banderas diretta da Robert Rodriguez.

Nel 2002, nonostante sia considerata con i suoi occhi e capelli scuri il sex symbol di Hollywood, veste i panni di Frida Khalo nel film sulla grande pittrice messicana, nato dopo un lungo e faticoso progetto. Un ruolo che le vale una nomination all'Oscar come migliore attrice.

Oltre all'impegno nel sociale con la promozione di diverse cause umanitarie in favore dei diritti delle bambine e delle donne, Hayek è anche apertamente critica nei confronti del candidato repubblicano alla Casa Bianca, Donald Trump. "E' un piccolo bullo delle elementari che sta cercando di diventare presidente degli Stati Uniti", ha detto l'attrice al 'The Late Show' di James Corden, contestando soprattutto le affermazioni di Trump nei confronti dei migranti e del Messico, paese verso il quale nutre un grande amore che la sua fama internazionale non ha minimamente scalfito. Alla soglia dei 50 anni ha confessato alla rivista 'InStyle': "Bisogna svegliarsi tutti i giorni e lavorare su sé stessi come se ognuno di noi fosse la propria opera d'arte".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza