cerca CERCA
Giovedì 02 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:05
Temi caldi

Ieg tra le prime in Europa a certificare Iso 20121 Ecomondo e sedi di Rimini e Vicenza

30 novembre 2022 | 18.11
LETTURA: 4 minuti

Con la consulenza di Hera

alternate text

Eventi fieristici sempre più sostenibili per Italian Exhibition Group (Ieg) che, tra le prime società del settore a livello europeo, è riuscita ad aggiungere la certificazione Iso 20121 al suo ricco palmares di primati in campo ambientale, sicurezza, tutela della salute e sostenibilità. Ieg, fra i principali operatori del settore, ha certificato i quartieri fieristici di Rimini, Vicenza e l’organizzazione di Ecomondo, da 25 anni salone europeo per l’economia circolare, e a inizio 2023 l’iter riguarderà anche il Palacongressi di Rimini, percorso che lo porterà ad essere tra i primi e più importanti player a certificare tutte le proprie sedi. Percorso di sostenibilità ambientale che parte da lontano, dal giorno di inaugurazione del nuovo quartiere fieristico, nel 2001. A partire dal prestigioso riconoscimento internazionale Elca, Edilizia Verde di Norimberga, Ieg ha poi ottenuto la certificazione Iso 14001 Ambiente, la ISO 450001 salute e sicurezza sul lavoro, il Gbac Star Global Biorisk Advisory Council.

La scelta di Ieg di puntare ad ottenere questa ambita certificazione di sostenibilità assume un valore fortemente strategico, finalizzato a qualificarsi sempre di più come soggetto maturo ed impegnato nella transizione verso l’economia circolare. La Iso 20121 certifica infatti un’attività progettata e svolta nel rispetto degli aspetti economici, sociali e ambientali: osservarla, significa assumere un approccio a lungo termine ed equilibrato nell’esercitare l'attività economica, la responsabilità ambientale e generare progresso sociale, per soddisfare le necessità del presente e favorire lo sviluppo aziendale, qualificandolo.

Per il complesso iter di certificazione, Ieg ha scelto di avvalersi della consulenza e delle competenze del Gruppo Hera, una delle maggiori multiutility italiane che gestisce servizi ambientali, idrici ed energetici per circa 5 milioni di cittadini e che da sempre pone la sostenibilità e l’economia circolare al centro della propria strategia.Durante il percorso di certificazione, partito a marzo 2022 e particolarmente articolato per una realtà strutturata come quella di Ieg, il Gruppo Hera ha fornito il proprio supporto sui vari aspetti documentali, gestionali, organizzativi e operativi, per completare sotto i profili di sostenibilità ambientale, economica e sociale, il quadro necessario ad ottenere la Iso 20121.

In particolare, un team dedicato della multiutility è stato impegnato in un intenso calendario di attività: dai sopralluoghi nelle sedi coinvolte agli incontri con le diverse aree aziendali e con i fornitori, dagli audit di Bureau Veritas alle fasi di analisi documentale e valutazione in ottica di sostenibilità, fino alla revisione ed elaborazione di nuove procedure, progettazione del potenziale sviluppo di attività e processi in ottica circolare.

In sintesi, la certificazione Iso 20121 impegna Ieg direttamente, tramite i suoi collaboratori e fornitori, a: stimolare la completa soddisfazione nell’attività svolta, presupposto per la creazione di valore e sviluppo sostenibile; garantire l’accessibilità universale sui diritti delle persone con disabilità; utilizzare attrezzature, metodi operativi ed aspetti organizzativi che salvaguardino l’ambiente con la riduzione delle emissioni; ottimizzare i sistemi di mobilità e ridurre gli sprechi la produzione dei rifiuti; aumentare la raccolta differenziata e a ridurre il consumo energetico ed idrico; impiegare fornitori qualificati per gli aspetti di qualità, sicurezza e ambiente; informare e sensibilizzare tutti i dipendenti, i fornitori, i partner territoriali, i clienti ed i partecipanti agli eventi sulle tematiche ambientali e di sostenibilità.

Fra le best practice introdotte con la progettazione dell'evento Ecomondo , quella che riguarda l’assenza della moquette dalle corsie interne ai padiglioni, con un risparmio ambientale di oltre 140 tonnellate annue di tappeto; la raccolta e recupero dei mozziconi di sigaretta; il potenziamento delle postazioni di ricarica auto elettriche; l’accessibilità al quartiere ai diversamente abili; l’aumento della potenza installata relativa agli impianti fotovoltaici; il coinvolgimento degli stakeholders del territorio.

Il quartiere è dotato di 1.500 piante irrigate da falde superficiali, la luminosità nei padiglioni è favorita da 850 proiettori led che risparmiano emissioni per 120 tonnellate di Co2 annue e consumi per 360.000 Kwh. Gli impianti fotovoltaici garantiscono la produzione di 8,5 milioni di Kwh di energia pulita, pari a quella necessaria a rendere autosufficiente tutte le proprie sedi italiane. Il recupero di acque risparmia 23 milioni di litri, tutte le fontane sono a ricircolo d’acqua. La banca del ghiaccio sotterranea contribuisce al raffrescamento degli ambienti dimezzando i consumi. La stazione ferroviaria interna è utilizzata dal 20% dei visitatori e riduce i flussi di traffico; sono presenti 7 colonnine di ricarica elettrica per auto e moto il cui numero sarà presto raddoppiato.

“Con questa importante certificazione, che con Ecomondo abbiamo ottenuto per primi in Europa nell’ambito delle fiere ambientali, diamo concretezza - afferma Corrado Peraboni, ad di Ieg - agli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, principi che sono in linea con i valori di Ieg e alla base della politica aziendale. Riconoscimenti e best practice hanno generato in questi anni comportamenti virtuosi anche fra le centinaia di migliaia di visitatori internazionali, ma la ISO 20121 rappresenta un ulteriore passo in avanti, un tangibile contributo al processo di cambiamento culturale, da declinare in comportamenti necessari per tutelare il pianeta”.

“Il supporto a uno dei principali operatori del settore come Ieg - precisa Orazio Iacono, amministratore delegato del Gruppo Hera - nell’articolato processo di certificazione dei propri quartieri fieristici, e di un evento importante come Ecomondo, rappresenta la naturale conseguenza della condivisione degli obiettivi di sostenibilità ed economia circolare, che sono da sempre alla base della nostra strategia aziendale. Grazie alla certificazione Iso 20121 diventa ancor più strategica e tangibile la progettazione degli eventi sostenibili nel rispetto degli aspetti economico-sociali, fornendo allo stesso tempo un approccio equilibrato e a lungo termine alla responsabilità ambientale e al progresso sociale”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza