cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 16:22
Temi caldi

Retroscena

Il male oscuro di Dolores O'Riordan

16 gennaio 2018 | 13.42
LETTURA: 2 minuti

alternate text
AFP PHOTO / GUILLAUME SOUVANT - AFP

"Terribilmente depressa". All'indomani della morte di Dolores O'Riordan, voce dei Cranberries scomparsa ieri a soli 46 anni, sono gli amici più stretti a rompere il silenzio sulle condizioni di salute della cantante. Persone vicine alla donna, rimaste anonime, che confermano all'edizione irlandese del Mirror la reale portata del problema mentale che Dolores non ha mai nascosto alla stampa e, soprattutto, ai suoi fan.

Stando alle dichiarazioni, O'Riordan "nelle ultime settimane" sarebbe stata afflitta, oltre che dal forte dolore derivato da un problema "alla schiena", anche da una depressione definita "terribile". Depressione che ha accompagnato l'artista irlandese dall'infanzia, vittima di molestie sessuali a soli 8 anni, dell'anoressia in età adulta, colpita da un crollo nervoso in anni recenti con una diagnosi di disturbo bipolare con la quale fare i conti e infine, nel 2013, con un tentativo di suicidio dovuto - come dichiarato al Belfast Telegraph qualche tempo fa - a un "terribile disprezzo di se" che l'aveva anche condotta "a provare di finire in overdose".

La morte della cantante tuttavia, confermano gli inquirenti inglesi, "non è trattata come sospetta". La polizia metropolitana di Londra, stando alle prime indagini, non ha infatti trovato alcun elemento rilevante in tal senso e il caso è passato nelle mani dell'ufficio locale del coroner.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza