cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 20:28
Temi caldi

Cinema: il Morandini mette Virzì in copertina, di nuovo

27 novembre 2017 | 15.28
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Donald Sutherland ed Helen Mirren nell'immagine di copertina de 'ilMorandini2018', da 'Ella & John'

La copertina della nuova edizione del 'Dizionario dei film e delle serie televisive', ovvero de 'ilMorandini2018', rende omaggio a Paolo Virzì con un'immagine dal suo ultimo film 'Ella & John', con Donald Sutherland ed Helen Mirren, regalando così al regista livornese l'insolito primato di aver conquistato per due anni consecutivi la 'prima pagina' della bibbia dei cinefili italiani; l'edizione 2017 aveva infatti in copertina un'immagine da 'La pazza gioia' Un record meritato perché il lavoro di Virzì "…è un film che non è americano – come hanno polemizzato – né voleva esserlo, è una coproduzione Italia-Francia con la presenza di due grandi protagonisti: Mirren (inglese) e Sutherland (canadese). Il tema centrale non è l’America, ma quel che dice (e quel che non dice, mostra) dell’America graffia e incide. E' una storia d’amore, universale, che diverte, emoziona e commuove. E' un film d’autore. Italiano", scrive l’autrice Luisa Morandini nella presentazione del dizionario. Un film in cui il regista, aggiunge Morandini, "…prende, corregge e modifica il libro di Michael Zadoorian - da cui è tratta la storia - viaggia insieme ai suoi due strepitosi protagonisti attraverso le impervie vie dell'amore, con ironia, commozione, tragedia e passione…". Il tutto riassunto nel giudizio nel dizionario: "Da non perdere", nella sezione Mostra del Cinema di Venezia 2017

Perché la scelta di un film dal Festival di Venezia? "…E’ stata una stagione forse meno ricca e meno interessante delle ultime, per il cinema italiano (che non ci ha dato la soddisfazione che speravamo) ma più in generale per tutto il cinema (che sembra sempre più seguire strade tecnologicamente avanzate, ma forse troppo inclini a fantasy, fantascienza, supereroi e azione”. E’ la motivazione dell’autrice e critica cinematografica. Fantascienza che non sempre funziona come accade, ad esempio, per 'Alien Covenant'. L’ennesimo sequel della saga, diretto da Ridley Scott è "…Strutturato per mantenere vivo un marchio, ma qui si tratta di accanimento ingiusto nei confronti dei fans", si legge sul Dizionario che con il giudizio critico si ferma a una stella. Nel Morandini 2018 (27.000 film - 16.500 su carta, 27.000 nella versione digitale), non mancano 'bocciati illustri' della passata stagione cinematografica: Terrence Malick ha deluso con 'Song to song' perchè "…Le immagini restano impeccabili, ma la storia banale e poco profonda…". Una stella.

Non bene anche parte delle pellicole italiane. Deludono molte commedie: da 'Mamma o papà?' di Bruno. 'Mister Felicità' di Siani, (1 stella), 'Non c’è più religione' di Miniero (1 ½ stella). E anche alcuni autori nostrani: Castellitto di 'Fortunata' "…Insopportabile polpettone melodrammatico falso-popolare con Castellitto regista che arranca disperatamente per dare il meglio di sé..."; Piccioni di 'Questi giorni' "…è mal recitato, inzuppato di stereotipi, un ennesimo film della stagione sui giovani…", una stella ciascuno. Tengono botta (3 ½ stelle) il documentario di Olmi 'Vedete, sono uno di voi' e 'Sole Cuore Amore' di Vicari in cui "…Primeggia una straordinaria Ragonese". I premiati con 4 stelle di questa edizione invece sono 'Sully' di Clint Eastwood, film che "…non cede mai alla retorica né al buonismo facile e guida un eccellente Hanks a disegnare il ritratto di un uomo qualunque…". E, ancora, 'Io Daniel Blake 'di Ken Loach, già Palma d’oro a Cannes; 'Neruda' di Pablo Larraín "…un gioiello di cinema acuto, visionario e originale nel giocare con realismo e finzione…"; l’Orso d’argento 'L'altro volto della speranza' di Aki Kaurismäki; 'A casa nostra' di Lucas Belvaux; 'Il cittadino illustre' di Mariano Cohn e Gastón Duprat. Per il pluripremiato 'La La Land' 3 ½ stelle e "Chi non ama i musical stia a casa".

E' stata anche la stagione di grandi film d’animazione: lo dimostrano le quattro stelle (il massimo sono 5) che Morandini 2018 ha assegnato a 'Cattivissimo Me 3', definendolo "…Colorato, spiritoso, divertente, pieno di trovate (i balletti dei Minions sono esilaranti), con un 'cattivo' che si muove come Michael Jackson e ha la pelata, una madre di Gru fulminante, una colonna musicale usata con un'ironia, un acume e un'astuzia impagabili. Imperdibile". Quattro stelle anche a 'Baby Boss' che "…Fa il pieno di originalità rinnovando le classiche gag dell'animazione; è ricco di sensibilità; ha dialoghi surreali e sarcastici…"; 'La mia vita da zucchina', ovvero: "…Un gioiello dell'animazione che abbatte con umorismo tanti tabù…"; 'La tartaruga rossa' che è "…una favola metaforica nel descrivere le tappe della natura umana, potente nel suo minimalismo, ipnotizzante nel suo disegno…". Al gioiellino della Pixar 'Alla ricerca di Dory' e all’harrypotteriano 'Animali fantastici e dove trovarli' di David Yates, che anche se non è d’animazione è pur sempre 'fantastico', vanno 3 ½ stelle. Il Morandini 2018 comprende anche 850 serie televisive, scelte fra le più seguite o le meglio realizzate; nella versione digitale ci sono anche 750 cortometraggi e 7.000 immagini di scena o locandine.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza