cerca CERCA
Domenica 27 Novembre 2022
Aggiornato: 07:43
Temi caldi

Mafia capitale: Carminati a Regina Coeli nella stessa cella di Priebke

12 dicembre 2014 | 16.55
LETTURA: 3 minuti

L'ex Nar 'mangia poco' e 'non parla con nessuno', raccontano alcuni agenti all'Adnkronos. ''Negli ultimi giorni sembra si sia reso conto che non sta più nel 'Mondo di mezzo'. Qui ci sono regole''. Il numero uno dell'ordinanza su Mafia capitale ''guarda spesso verso le sbarre, assorto nei suoi pensieri''

alternate text
Una sezione di Regina Coeli - (Infophoto)

E' nella settima sezione del reparto 'Nuovi Giunti' di Regina Coeli. Massimo Carminati, numero uno dell'ordinanza su 'Mafia capitale' che ha portato in carcere 37 persone, è in una cella di circa 10 metri quadri, con il bagno annesso. Il letto con la branda. Sul tavolino, carta e penna. Prima di lui per quella cella ''erano passati Fabrizio Corona'', l'ex 're dei paparazzi' e ''anche l'ex capitano delle SS, Erich Priebke'', spiegano all'Adnkronos alcuni agenti del carcere romano. ''I primi giorni ha mostrato atteggiamenti scostanti -raccontano ancora i baschi azzurri- è una personalità forte, dai modi risoluti. Uno abituato a comandare''.

Ora il 'quarto re di Roma' è solo, anche all'oria d'aria. Incassa le limitazioni del suo nuovo status, ''ma non parla''. Il blitz dei Ros che gli ha fatto scattare le manette ai polsi su una strada di Sacrofano, lo ha catapultato in un'altra realtà, fatta di muri spessi, regole e sbarre. L'inchiesta del procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, lo ha riportato 'dentro'. E ora ha 56 anni. ''Negli ultimi giorni sembra si sia reso conto che non sta più nel 'Mondo di mezzo' -dicono ancora gli agenti- in carcere ci sono regole precise, e ognuno deve rispettarle''.

Il 'nero' di Romanzo Criminale, l'ex Nar accusato di avere legami con la Banda della Magliana, ''mangia poco'' e soprattutto ''non parla con nessuno''. Anche con il personale, si limita a pochi scambi di battute: ''Chiude subito i discorsi -dicono gli agenti che più sono in contatto con il presunto capo di 'Mafia capitale'- senza dare possibilità di replica''. Uno stile olofrastico, quello di Carminati: ''usa il 'sì' o il 'no'. Poi basta. Resta chiuso nel suo silenzio''.

'guarda spesso verso le sbarre, assorto nei suoi pensieri'

Nella sua casa di Sacrofano i Carabinieri del Ros hanno trovato anche una 'katana', una spada da samurai. Ma ora il 'guercio', come è soprannominato Carminati per via dell'occhio sinistro perso in seguito a una sparatoria con la Digos, ''guarda spesso verso le sbarre, assorto nei suoi pensieri'' tra le mura di Regina Coeli.

Forse pensa anche a quell'intercettazione (con Riccardo Brugia e Cristiano Guarnera, due degli indagati) 'catturata' il 12 dicembre 2012: ''è la teoria del mondo di mezzo, compà. Ci stanno.. come si dice.. i vivi sopra e i morti sotto. E noi stiamo nel mezzo...''. Prima che arrivasse la procura di Roma a sparigliare i giochi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza