cerca CERCA
Giovedì 13 Maggio 2021
Aggiornato: 09:14
Temi caldi

Il pm: "De Santis sparò prima di essere aggredito"

13 ottobre 2014 | 21.42
LETTURA: 2 minuti

L'ultras romanista, accusato di aver ucciso Ciro Esposito, avrebbe aperto il fuoco verso i napoletani che gli andavano contro prima di essere ferito. Così la procura di Roma ha ricostruito la dinamica dei fatti nell'incidente probatorio, optando per una versione diversa rispetto a quanto sostenuto dal Racis nella maxiperizia

alternate text

Daniele De Santis, l'ultras romanista accusato di aver ucciso il tifoso del Napoli, Ciro Esposito, avrebbe sparato ai napoletani che gli andavano contro prima di essere ferito. E' quanto sostiene la procura di Roma, che ha così ricostruito la dinamica dei fatti nell'incidente probatorio, optando per una versione diversa rispetto a quanto sostenuto dal Racis nella maxiperizia. Secondo la procura, De Santis avrebbe sparato stando in piedi e indossando i guanti.

A indurre la procura a ritenere che De Santis abbia sparato prima di essere aggredito è tra l'altro la presenza del sangue di Alfonso Esposito, cugino di Ciro, e dello stesso Gastone sulla pistola. Secondo i pm infatti la presenza del sangue di Esposito sull'arma potrebbe far ritenere che questi abbia afferrato la pistola quando era già stato ferito, mentre la traccia ematica di De Santis, questa volta sul calcio e non sulla canna dell'arma, sarebbe fuoriuscita da una ferita alla fronte dell'ex ultras. Infine un altro dettaglio riguarda i guanti di De Santis, sui quali c'erano tracce di polvere da sparo ma non tracce di sangue.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza