cerca CERCA
Martedì 20 Aprile 2021
Aggiornato: 03:01
Temi caldi

Il precedente di Anna Politkovskaya, tentato avvelenamento con tè in aereo

20 agosto 2020 | 14.29
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

Prima di essere uccisa dai colpi d'arma da fuoco sparati da un killer sul pianerottolo della sua casa a Mosca nel 2006, la giornalista di Novaya Gazeta AnnaPolitkovskaya aveva subito un tentativo di avvelenamento.

Nel settembre del 2004, era stata molto male dopo aver bevuto un tè su un aereo che da Mosca la portava a Rostov, da cui avrebbe poi raggiunto Beslan, in Ossezia del Nord, per seguire la crisi degli ostaggi sequestrati da un commando nella scuola elementare numero 1 della cittadina, e agire da mediatrice con il leader separatista ceceno Aslan Maskhadov.

Anche lei, come Aleksei Navalny, si sente molto male in aereo. Arrivata a Rostov vomita e perde conoscenza. Viene ricoverata d'urgenza in ospedale dove entra in coma. Un'infermiera del reparto le dirà più tardi che al suo arrivo era "praticamente senza speranza" e che "avevano cercato di avvelenarla".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza