cerca CERCA
Domenica 26 Settembre 2021
Aggiornato: 18:51
Temi caldi

Il Premio Vivere a Spreco Zero 2020 a 21 buone pratiche

23 novembre 2020 | 12.03
LETTURA: 5 minuti

alternate text

Vanno a 21 progetti di buone pratiche per la prevenzione degli sprechi e lo sviluppo sostenibile i riconoscimenti del Premio Vivere a #sprecozero 2020, i piccoli Oscar della sostenibilità assegnati annualmente nell’ambito della campagna Spreco Zero con il patrocinio del ministero dell’Ambiente, dell’Anci e di World Food Programme Italia.

"Ventuno esempi - spiega l’agroeconomista Andrea Segrè - di come è possibile, nel quotidiano valorizzare i comportamenti virtuosi dei cittadini, delle imprese, delle scuole, delle start up, degli enti pubblici. Perché è compito di tutti promuovere il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità 2030 indicati dalle Nazioni Unite".

La Regione Toscana vince il Premio Vivere a #sprecozero 2020 nella categoria Enti pubblici con il progetto Urban Waste, che ha coinvolto anche il Comune e la Città Metropolitana di Firenze. Un percorso capace di alimentare la condivisione delle buone pratiche con i tanti visitatori del territorio attraverso azioni mirate di turismo ecologico, come: la donazione di cibo da parte degli hotel alle associazioni solidali, la diffusione dell'uso di doggy Bag nei buffet e ristoranti, la promozione dell'uso di acqua di rete e di istruzioni sulla raccolta differenziata in diverse lingue.

La menzione speciale del Premio va alla Regione Emilia Romagna per il progetto 'Stop allo spreco: il gusto del consumo consapevole', promosso dall’Assessorato Agricoltura e Agroalimentare, per le scuole secondarie di II grado, alcune fattorie didattiche del territorio e la cittadinanza.

Nella categoria Imprese vince Ibrida Birra, ideata da quattro studenti del Master in Product Service System Design al Politecnico di Milano per dare una seconda vita al pane sfornato dalle panetterie di quartiere milanesi.

Nella nuova categoria Biodiversità il Premio Vivere a #sprecozero 2020 va a Casa Surace, la factory e casa di produzione nata del 2015 da un gruppo di amici e coinquilini, oggi 'famiglia allargata' con oltre 3 milioni di fan sul web, per l’efficacia dei video ad alto potenziale di sensibilizzazione sui temi caldi della sostenibilità e dei cibi biodiversi.

A proposito di comunicazione, dal 2020 arriva anche la categoria 'Pagine di sostenibilità' dedicata alla saggistica: vince la prima edizione del Premio vivere a #sprecozero il libro 'La rivolta della natura' della divulgatrice scientifica Eliana Liotta, scritto con l’apporto del virologo Massimo Clementi, edito La nave di Teseo.

Esempio prezioso di collaborazione e di passaparola sostenibile fra cittadini è il progetto del Comune di S. Lazzaro di Savena che vince nella categoria Cittadini: 'Lo so fare e te lo insegno' è un format di condivisione dei saperi utili in chiave di economia circolare, dal recupero dei rifiuti in aree verdi all’orticoltura, a piccole nozioni di sartoria, muratura, bricolage.

Per la categoria storica del Premio Vivere a #sprecozero, InnovAction, l’edizione 2020 va all’azienda Microglass di S. Quirino - Pordenone che, attraverso sistemi di riscaldamento multi-tecnologici, allunga la shelf life del cibo fresco, riduce i consumi e previene gli sprechi, recuperando gli scarti ortofrutticoli (ortaggi o frutta scartati per malformazioni estetiche) attraverso processi di cottura sottovuoto a microonde.

Menzione speciale per la tecnologia Bernardi che, attraverso l’implementazione di dispositivi e soluzioni HW e SW, risolve i problemi di gestione dei prodotti e delle scorte, favorendo la resilienza ecologica e sociale dei sistemi commerciali.

Per le scuole, vincono ex aequo l’Ipsar Mattei di Rosignano Solvay (LI) che ha promosso un approfondimento su 'consumo consapevole e spreco alimentare' e l’Istituto Professionale Alberghiero Chino Chini di Borgo San Lorenzo (FI), che ha attivato un progetto in collaborazione con le imprese e con le associazioni del territorio.

E da Veronica Pivetti, ambasciatrice di buone pratiche 2020, arrivano quattro riconoscimenti nel segno della scuola, della solidarietà e del diritto al cibo: vanno alla onlus Maestri di Strada, alla maestra Francesca Sivieri, al Liceo Malpighi di Bologna e alla Taverna di Dracula (che in tempo di Covid eroga pasti gratuiti a chi non è in grado di pagare il conto) i gettoni di sostenibilità donati da Veronica Pivetti per favorire l’effetto domino delle buone pratiche di sostenibilità.

Al centro dell’edizione 2020 del Premio sono anche i valori della Dieta mediterranea: nella sezione dedicata vince il progetto La cucina del riciclo, il ricettario del Liceo 'Q. Orazio Flacco' di Portici in collaborazione con il MedEatReserarch, il Centro di ricerche sociali sulla dieta mediterranea dell'Università Suor Orsola Benincasa fondato dagli antropologi Marino Niola ed Elisabetta Moro: una ricerca sulla tradizione mediterranea per rigenerare gli avanzi di cucina in nuovi piatti; menzione speciale al racconto d’animazione 'Il grande viaggio vitaminico', realizzato da Anna Eriksson, Francesca Fava e Sara Filippi Ploetheger.

E anche nella categoria Associazioni vince L'Università della Cucina Mediterranea, una rete di promozione sociale fondata a Sorrento per iniziativa di operatori del settore eno-gastronomico, turistico, della ristorazione, della comunicazione e della difesa dei diritti dei consumatori.

Va a Rifò, progetto di abbigliamento sostenibile, il premio Whirlpool Spreco Zero per l’Economia circolare: un format che produce capi e accessori con fibre tessili rigenerate e rigenerabili, trasformando i vecchi indumenti in un nuovo filato a km 0.

Riconoscimenti anche al Gruppo Rivoira per la categoria Ortofrutta: grazie all’ausilio della tecnologia Cherry Vision 3.0 e grazie alle telecamere ad altissima risoluzione, il Gruppo Rivoira è riuscito a recuperare tutte le ciliegie 'buone' separandole con cura da quelle danneggiate dal maltempo, evitando lo spreco del raccolto.

Toyota Wehybrid vince infine nella categoria di mobilità sostenibile per la capacità di promuovere un 'ecosistema' a zero emissioni che mette il driver al centro dell’esperienza di guida attraverso il suo comportamento e la sua attenzione reale all’ambiente e al risparmio energetico.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza