cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 22:13
Temi caldi

Serie tv

Tv: il set di 'The Young Pope' si sposta a Trastevere

24 agosto 2015 | 10.36
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Jude Law (Infophoto) - INFOPHOTO

Si spostano da oggi nel cuore di Trastevere, nel Complesso Monumentale di San Michele a Ripa, le riprese di 'The Young Pope', la serie in 8 episodi diretta da Paolo Sorrentino, interpretata da Jude Law nei panni di Pio XIII e dal premio Oscar Diane Keaton nei panni di una suora americana, e prodotta Sky in collaborazione con HBO e Canal+, il cui primo ciak è stato battuto a fine luglio.

Intorno alla storica struttura architettonica trasteverina, nata tra la fine del XVII e il XVIII secolo ed adibita ad orfanotrofio ed ospizio per poveri ma poi anche a carcere, ed attualmente sede fra l'altro di alcune direzioni del Mibact sin dalle prime luci dell'alba sono al lavoro elettricisti, macchinisti ed attrezzisti. Ma nell'ingresso del San Michele, off limits per curiosi e non appartenenti alla troupe, sono entrate anche diverse comparse vestite da guardie svizzere. Non si sa però ancora se e quando è previsto l'arrivo sul set di Trastevere delle due star della serie, Law e Keaton.

Nel cast della serie diretta dal regista Premio Oscar per 'La Grande Bellezza' ci sono anche Silvio Orlando, Scott Shepherd, Cécile de France, Javier Camara, Ludivine Sagnier, Tony Bertorelli, James Cromwell. E ancora: Guy Boyd, Andre Gregory, Sebastian Roché, Marcello Romolo, Ignazio Oliva, Vladimir Bibic e Nadie Kammalaweera.

'The Young Pope' racconta l’inizio del controverso pontificato di Pio XIII, al secolo Lenny Belardo (Jude Law), un personaggio complesso e contraddittorio, così conservatore nelle sue scelte da rasentare l’oscurantismo ma allo stesso tempo straordinariamente pieno di compassione per poveri e i deboli. Un uomo di potere, che caparbiamente resiste a coloro che corteggiano il Vaticano, noncurante delle implicazioni derivanti dalla propria autorità.

Nel corso della serie, Belardo si troverà a confrontarsi con l’abbandono degli affetti personali e con la costante paura di essere abbandonato anche dal suo Dio. Egli è tuttavia un uomo che non ha paura di farsi carico della millenaria missione di difendere proprio quello stesso Dio e il mondo che Lo rappresenta.

Parlando della serie, Paolo Sorrentino ha recentemente affermato: "I segni evidenti dell’esistenza di Dio. I segni evidenti dell’assenza di Dio. Come si cerca la fede e come si perde la fede. La grandezza della santità, così grande da ritenerla insopportabile. Quando si combattono le tentazioni e quando non si può fare altro che cedervi. Il duello interiore tra le alte responsabilità del capo della Chiesa Cattolica e le miserie del semplice uomo che il destino (o lo Spirito Santo) ha voluto come Pontefice. Infine, come si gestisce e si manipola quotidianamente il potere in uno Stato che ha come dogma e come imperativo morale la rinuncia al potere e l’amore disinteressato verso il prossimo. Di tutto questo parla 'The Young Pope'".

La serie è prodotta da Wildside, e coprodotta da Haut et Court TV e Mediapro. I produttori esecutivi per Wildside sono Lorenzo Mieli e Mario Gianani insieme a John Lyons. I produttori esecutivi per Haut et Court TV sono Caroline Benjo, Carole Scotta e Simon Arnal. 'The Young Pope' è una grande coproduzione della nuova Sky ed HBO e rappresenta un’opportunità unica che queste due piattaforme televisive pay offrono alla comunità creativa mondiale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza