cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Formazione: il sondaggio, costi troppo elevati ma in 67% aziende si fa

01 ottobre 2014 | 17.37
LETTURA: 2 minuti

I risultati del sondaggio realizzato da FondItalia', Fondo paritetico per la formazione continua, nell'ambito di Expotraining ed ExpoLavoro & Sicurezza.

alternate text

I costi troppo elevati sono il primo motivo alla base della 'non formazione' nelle aziende. E' uno dei risultati emersi dal sondaggio Fonditalia, che sarà presentato domani, a Milano, alla tavola rotonda 'I costi sociali della non formazione. I risultati del sondaggio realizzato da FondItalia', Fondo paritetico per la formazione continua, nell'ambito di Expotraining ed ExpoLavoro & Sicurezza.

Hanno risposto al sondaggio 413 persone (imprenditori + collaboratori), per il 56% uomini, di età compresa tra i 25 e i 44 anni (33% nella fascia tra i 25 e i 34 anni e 36% per quelli compresi tra i 35 e i 44) e con formazione corrispondente a laurea e successive specializzazioni (69%).

Secondo il 67% delle persone che hanno risposto al sondaggio, nella loro azienda 'sono state realizzate attività di formazione continua e aggiornamento professionale'. E tra i motivi alla base della 'non formazione' ci sono i costi troppo elevati, secondo il 64% degli intervistati.

Secondo il 54% delle persone che hanno risposto al sondaggio, il trend 2013 dell’azienda di appartenenza è stato positivo. Tra le strategie messe in campo per fronteggiare la crisi, ecco la riduzione dei costi con il 51%, seguita dall'innovazione con il 33%. Secondo il 67% degli intervistati, il 'non fare formazione' non influisce sulla produttività di un'azienda, e non è importante formare e aggiornare le risorse umane in azienda.

Il 79% delle persone che hanno risposto al sondaggio ha dichiarato di essere a conoscenza delle opportunità di finanziamento offerta dai Fondi a favore della formazione continua per i lavoratori’. Ma sull'utilizzo dei Fondi interprofessionali solo il 46% ha dichiarato di 'usufruirne costantemente'.

Il 90% degli intervistati ha dichiarato di "aver riflettuto sul fatto che non aggiornare i lavoratori può rendere difficile il loro ricollocamento in caso di perdita del lavoro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza